Da Orsi a Zidane: i trasferimenti più costosi nella storia del calcio

di Gioia Bò 1

Follia, poco rispetto per il denaro, schiaffo alla miseria e a chi si spezza in quattro la schiena per arrivare a fine mese contando i centesimi. Negli ultimi giorni le nostre bocche si sono riempite di discorsi di questo tipo di fronte all’offerta multimilionaria arrivata in casa Milan.

La cronaca delle ultime ore ci dice che qualcuno si è potuto permettere il lusso di rifiutare un ingaggio da nababbo (beato lui!), motivando la scelta con una frase che sa di presa in giro “i soldi non sono tutto nella vita”. Il fatto poi che tali parole escano dalla bocca di uno che guadagna qualcosa come 9 milioni di euro l’anno è solo un dettaglio e ci piacerebbe vedere la faccia del protagonista di fronte alla medesima offerta arrivata magari dal Real Madrid. Discorsi che per ora lasciano il tempo che trovano, ma che ci danno comunque l’opportunità di fare un viaggio a ritroso nel tempo alla ricerca di situazioni simili, seppure con esiti completamente opposti.

Perché, se il Milan ha deciso di assecondare la volontà del giocatore, rinunciando a svariati milioni e se Kakà ha buttato al vento l’opportunità di incrementare i propri introiti, c’è anche chi in passato non si è posto problemi di sorta, salendo sul carro del miglior offerente. ‘Zidane è incedibile’, gridavano i dirigenti bianconeri, mentre il caro Moggi intrallazzava con il Real, portando a termine il trasferimento più costoso della storia del calcio (120 miliardi di lire!)

Il pioniere in tal senso fu Raimundo Orsi, che alla fine degli anni ’20 venne ceduto dall’Independiente alla Juventus per la cifra record di 100 mila lire. Al giocatore venne invece offerto un ingaggio di 8.000 lire, più un’auto ed una villa. Dettagli che oggi fanno sorridere, ma che all’epoca erano al di fuori di ogni logica di mercato.

Qualche anno più tardi arrivò il primo trasferimento superiore ai cento milioni. A farsene carico fu il Napoli, interessato all’acquisto di Hasse Jeppson, che da allora mutò il suo nome in ‘o banco ‘e Napole.

Poi arrivarono i primi trasferimenti miliardari, fino a giungere ai magnifici anni ’90, quando i procuratori riuscirono a strappare alle società fior di quattrini per l’acquisto dei propri assistiti. Fece scalpore ad esempio il passaggio di Figo dal Barcellona al Real Madrid per la cifra record di 55,8 milioni di euro o quello di Crespo dal Parma alla Lazio per un cifra di poco inferiore (53,6).

Che dire poi di Rio Ferdinand pagato dallo United ben 43,9 milioni? Non male, trattandosi di un difensore. E poi ancora. Wayne Rooney passato dall’Everton al Manchester per 30,2 milioni di euro. Pochi? Si, considerando che oggi il brutto anatroccolo è uno dei più forti attaccanti del mondo, ma chi altri spenderebbe tale cifra per acquistare un 17enne?

Per ora chiudiamo qui con la consapevolezza che l’offerta fatta a Kakà non sia il massimo che si possa raggiungere. Aspettate ancora un po’ e ci ritroveremo a sorridere di fronte a tale cifra.

Commenti (1)

  1. Hello

    I’m a journalist from Colombia and I’m currently preparing a special issue on South Africa 2010 for the magazine I work for: SEMANA http://www.semana.com We would love to have a picture of Raimundo Orsi for our magazine because he was such an important figure in Italy 1934.

    I was wondering if you could help me getting the picture or to get in contact with someone that can lend it to me.

    Sorry to bother you, I hope you can help me.

    Paula

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>