Inter una rivoluzione in attacco a giugno?

di Roberto Bosio Commenta

Foto AP/LaPresse

Difficile trovare un attacco più fornito di quello dell’Inter: a David Suazo, Samuel Eto’o, Goran Pandev, Diego Milito e Philippe Coutinho, a gennaio si è aggiunto – come tutti sanno – Giampaolo Pazzini per 12 milioni più il francese Biabiany.

A giugno molte cose potrebbero cambiare. Sicuro partente sarà David Suazo, legato ai nerazzurri fino a dicembre dell’anno prossimo – finora non è mai entrato in campo e difficilmente lo vedremo ancora con la maglia dell’Inter.

Dovrebbe seguire le sue orme il macedone Goran Pandev. Arrivato solo un anno fa, l’ex laziale ha giocato finora diciotto partite e segnato una sola rete. L’attaccante è corteggiato dal Tottenham e dal Bayern Monaco. Chiuso da Eto’o e Pazzini nell’undici titolare, a ventisette anni sa di non avere più tanto tempo da perdere.

Ma i cambiamenti potrebbero anche non finire qui. Diego Milito ha 32 anni e probabilmente oggi i dirigenti nerazzurri hanno rimpianto l’occasione persa. Lo avessero venduto in estate sarebbero riusciti a monetizzare al massimo un giocatore che oggi appare sul viale del tramonto.

E la scelta di Pazzini sembra mostrare che ormai non credono più che si possa contare su di lui nel lungo periodo. E poi c’è Eto’o. Guadagna oltre dieci milioni di euro netti all’anno, uno stipendio incompatibile con la necessità di pareggiare i conti.

La società nerazzurra ha chiuso l’ultimo bilancio – il 30 giugno 2010 – con perdite di poco superiori ai 69 milioni di euro. E il fair play finanziario dovrebbe iniziare ad essere applicato a partire dalla stagione 2012/2013.

Ovviamente i ricavi ottenuti dalla vendita di uno o più giocatori verrebbero utilizzati per acquistare nuovi calciatori. Più che Didier Drogba, Carlos Tevez – vorrebbero uno stipendio del peso di Samuel Eto’o -, o Diego Forlan, è facile pensare che verrebbero investiti su giocatori giovani. Magari nel breve non ripeteranno i risultati degli ultimi anni, ma permetterebbero nel giro di pochi anni di ricominciare un nuovo ciclo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>