24esima di serie A, quanti goals!

di Aurelinho Commenta

Una valanga di goal nella 24esima giornata di serie A. Già nell’anticipo di sabato pomeriggio Torino e Parma hanno segnato 4 goals a testa pareggiando una partita che era iniziata tutta in salita per i padroni di casa. Nel primo tempo il Parma era in vantaggio per 4 a 1 con 2 goals di Gasbarroni, Morrone e Budan per gli ospiti, e Stellone per i padroni di casa, ma allo scadere Natali segna il 4 a 2 ed inizia la rimonta granata,che accorciano ulteriormente le distanze con Stellone per poi pareggiare con Di Michele. Pioggia di polemiche nell’anticipo serale tra Reggina e Juventus, vinto dai calabresi per 2 a 1 con goal di Brienza nel primo tempo, pareggio di Del Piero nella ripresa e rigore di Amoruso al 93′. Dondarini non assegna almeno 3 rigori netti a favore dei bianconeri, modificando completamente il corso della partita e costringendo la dirigenza di corso Galileo Ferraris a scrivere una lettere alla dirigenza, per far notare i numerosi ed innegabili torti subiti nel corso della stagione. Intanto Dondarini sarà spedito probabilmente in serie B, a prescindere dalla reazione juventina.



Anche al Friuli 8 goals, come a Torino, nella vittoria del Genoa sull’Udinese per 5 a 3, con reti di Borriello che sigla una tripletta (come all’andata), Leon e Sculli per i liguri contro la doppietta dal dischetto di Di Natale ed il goal di Floro Flores per i friulani. L’unica rete di Matri consente al Cagliari di passare in casa contro una Lazio sprecona, mentre l’Empoli centra la terza vittoria consecutiva battendo al Castellani il Catania per 2 a 0 con reti di Giovinco e Budel, ma gli etnei falliscono un rigore con Spinesi. Il Napoli vince a Livorno, con un’inaspettata doppietta di Calaiò, contro allo straordinario goal di Diamanti, permettendo a Reja di tornare a sorridere. Gara vivace a Bergamo tra Atalanta e Siena, ospiti in vantaggio per 2 a 0 con Bertotto e Locatelli, ma che si fanno rimontare con la doppietta di Floccari, vivace come quella tra Roma e Fiorentina, che però termina solo 1 a 0, decide Cicinho, anche se dopo pochi minuti Kuzmanovic fa tremare la traversa difesa da Doni. La Fiorentina perde punti e perde Mutu, che lascia il campo con un infortunio al ginocchio d’entità da verificare. La Samp va vicina al colpaccio con la capolista Inter, passa in vantaggio con un gran goal di Cassano ma si fa pareggiare da Crespo, in una partita piacevole e ricca di occasioni, che entrambe le squadre avrebbero potuto vincere.

Il Milan batte a fatica il Palermo per 2 a 1, ma sono i rosanero a passare in vantaggio con goal di Bresciano che raccoglie un cross dalla destra di Guana, ma Ambrosini pareggia dopo pochi minuti, lasciato solo da Cassani segna in spaccata da dentro l’area piccola. Palermo in difesa e Milan che attacca, ma non ferisce, rigori dubbi non assegnati ai rossoneri, ma al termine del secondo tempo Amauri, tra i migliori in campo, subisce un netto fallo da rigore non assegnato e da questa azione nasce il goal del definitivo 2 a 1 di Pippo Inzaghi che al 91′ fugge al fuorigioco a segna di testa in tuffo. Ora il Milan va al quarto posto ed adesso la qualificazione Champions appare sempre più a portata di mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>