Mondiali ’98, Ronaldo ebbe una crisi cardiaca

di Gioia Bò 1

Correva l’anno 1998, la Francia organizzava il Mondiale e puntava dritta verso il titolo finale. Nell’ultimo atto, però, si trovava di fronte il Brasile campione in carica ed alla ricerca del suo quinto successo planetario. Impresa tutt’altro che facile, dunque, per i transalpini, che dovevano vedersela con un gran numero di campioni, primo fra tutti Ronaldo, il Fenomeno, il miglior giocatore del mondo.

Ma nella fina allo Stade de France fu tutto facile per i padroni di casa, non solo per la spinta del pubblico, ma anche per le condizioni fisiche di Ronaldo, che poche ore prima aveva accusato uno “strano” malore, con tanto di svenimento ed emissione di bava dalla bocca. Sulla vicenda si sprecarono le ipotesi, compresa quella che vedeva il brasiliano colpito da una macumba. Il bollettino ufficiale parlò invece di crisi epilettica, ma – a distanza di 14 anni – esce fuori che a fermare il Fenomeno sarebbe stata una crisi cardiaca.

 A rivelare il tutto è Bruno Carù, presidente della Società italiana cardiologia sport, che si avvale del referto medico di Piero Volpi, medico sociale dell’Inter:

Ronaldo si stese sul letto per seguire la Formula 1 e, piegando la testa in modo innaturale a lungo andare, finì per comprimere a livello del collo il glomo carotideo, un piccolo organo responsabile dei meccanismi riflessi di regolazione della frequenza cardiaca e della pressione. Ronaldo ebbe quindi un calo improvviso di frequenza cardiaca e di pressione, e svenne in preda alle convulsioni.

E ancora:

L’elettrocardiogramma fatto in ospedale mostra come Ronaldo, a crisi superata, avesse una frequenza di 18 battiti al minuto: questo significa che al momento del malore c’era stata quasi assenza di attività elettrica e meccanica del cuore. I medici abbracciarono invece la diagnosi fatta da un terzino e somministrarono a Ronaldo un pesante sedativo, il Gardenale, ottimo per l’epilessia, ma non certo per problemi di cuore. Ecco spiegata la partita, più che pessima, giocata la sera da Ronaldo ed ecco spiegate le immagini del giocatore che il giorno dopo scende barcollante dalla scaletta dell’aereo che lo ha riportato in Brasile, quasi fosse ubriaco.

Il terzino di cui parla il medico è Roberto Carlos, presente nel momento del malore di Ronaldo e pronto a scommettere che lo svenimento fosse dovuto ad una crisi epilettica. Possibile che i medici francesi si siano fidati del parere di un giocatore ed abbiano agito di conseguenza? O dobbiamo forse pensare che Ronaldo sia stato “fermato” per paura che potesse impedire alla Francia di realizzare il proprio sogno?

[Photo Credits | Getty Images]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>