Gli arbitri non sbagliano quasi nulla, ma Rizzoli doveva essere più deciso con Totti

di Marco Mancini 1

Giornata positiva la 33esima di campionato per gli arbitri italiani. Per una volta non ci sono stati errori gravi, tranne in Napoli-Atalanta. Nella partita del San Paolo l’assistente di Ciampi non vede il fuorigioco di Lavezzi nell’azione che ha portato al gol dell’1-0 di Hamsik; poco più tardi non vede nemmeno il tocco di mano visto da tutti, tranne che dallo stesso arbitro, per il raddoppio dell’argentino. L’uscita di Coppola su Lavezzi nel finale però poteva essere sanzionata con un rigore.

Errori anche contro il Livorno, che ancora una volta è costretto a recriminare per le troppe sanzioni subite, senza le quali forse non occuperebbe l’ultima posizione. Infatti il gol annullato a Galante poteva essere convalidato, non essendo molto netta la posizione di fuorigioco; nel secondo tempo Farina non concede un rigore netto a Tavano.
Per il resto le partite sono state abbastanza tranquille e gli arbitri molto bravi, come Rocchi in Juventus-Milan, in cui prende decisioni difficili ma giuste, Saccani, perfetto in Inter-Fiorentina, e Pinzani, che fa il suo esordio in serie A senza sbagliare una virgola.

L’unico appunto semmai si può fare sul veterano Rizzoli, che non sbaglia nulla nelle azioni di gioco, ma nell’episodio in cui ostacola Totti che stava calciando a centro area, prima fa finta di non sentire gli improperi che gli arrivano dalla bocca del capitano romanista, e quando er Pupone glieli urla in faccia, estrae timidamente solo il cartellino giallo, quando per molto meno si sono viste decine di espulsioni. La sensazione è che se ci fosse stato qualcun’altro al posto di Totti, al primo insulto sarebbe finito sotto la doccia, e lo capisce subito Spalletti, che pochi minuti dopo decide di farlo uscire.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>