Altra giornata disastrosa per gli arbitri: falsati 7 risultati su 10

di Marco Mancini Commenta

Giocare una volta ogni 3 giorni non fa bene ai calciatori, ma fa ancora peggio agli arbitri. Se nelle precedenti due giornate i fischietti si erano comportati bene, in questa sono stati a dir poco disastrosi. Bene solo nei due anticipi e nel posticipo, ma nelle gare della domenica pomeriggio hanno falsato tutti i risultati.

Il più clamoroso è il furto che ha subìto il Catania. In pieno recupero viene assegnato un calcio d’angolo che vede solo il guardalinee, visto che Andujar prende il pallone ampiamente in campo, e da lì nasce la rete del pareggio di De Rossi. Conseguente espulsione ingiusta per Delvecchio per proteste.

Errori bi-partisan invece effettuati in Juventus-Bologna e Parma-Cagliari, in cui ci sono un rigore a testa negato. Ma se nella prima gara è evidente che avrebbero cambiato il risultato, nella seconda lo è un po’ meno. Il Cagliari vince alla fine 0-2, ma se sullo 0-0 Tommasi avesse dato il rigore su Biabiany, la gara sarebbe andata diversamente. Come sarebbe andata diversamente anche Udinese-Genoa, che finisce pure 2-0, ma sullo 0-0 il fallo di mani di Domizzi è dentro l’area, non fuori come lo giudica Trefoloni.

Errori a senso unico invece in Napoli-Siena, dove il primo gol del Napoli andava annullato per evidente spinta di Datolo su Vergassola, e poi per un rigore negato al Siena nel finale su Paolucci. Errori decisivi anche in Chievo-Atalanta, con un rigore negato al Chievo sullo 0-0, e in Lazio-Palermo, con un rigore che manca alla Lazio. La classe arbitrale italiana ritorna nel caos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>