Serie A: torna il campionato spezzatino

di Gioia Bò Commenta

Mettetevi comodi in poltrona, preparate pop corn e Coca-Cola e apprestatevi a vivere una giornata intera di calcio, dall’antipasto del pranzo all’amaro della cena.

Ebbene si, la Lega Calcio aveva fatto male i suoi conti, spalmando l’11^ giornata di campionato tra anticipi e posticipi, come solitamente accade ogni sacrosanto fine settimana. Ma i signori della Lega non avevano calcolato che ad inizio aprile ci sono di mezzo gli impegni delle nazionali, il che avrebbe creato dei problemi di allenamento ai vari club, specie a quelli che pullulano di sudamericani.

E allora che si fa? Non potendo moltiplicare i giorni della settimana, come Qualcuno fece con i pani e con i pesci, si moltiplicano gli orari, mettendo ancora una volta in pratica la bizzarra idea del campionato-spezzatino.

Niente anticipi, dunque, e cambio d’orario per il posticipo, per permettere a tutti i calcio-dipendenti di seguire le gare in tv e alle tv stesse di trasmettere tutta la giornata di campionato senza sovrapposizioni. Come cambia il programma? Facile. Ci sarà una gara alle 13 (Atalanta-Fiorentina), una alle 19 (Udinese-Inter), una alle 21 (Milan-Lecce) e sette gare alle 15 (Cagliari-Catania, Juventus-Chievo, Palermo-Torino, Reggina-Genoa, Roma-Bologna, Sampdoria-Napoli e Siena-Lazio).

Tutti d’accordo? Diciamo di si, in fondo un giorno in più di riposo fa comodo a chiunque, ma permetteteci una considerazione. Cosa sarebbe successo, nel caso in cui una o più squadre italiane avessero ottenuto la qualificazione ai quarti di Champions League e fossero state costrette a giocare il 7 o l’8 aprile? Avremmo spostato gli impegni delle nazionali o forse avremmo chiesto di posticipare la Champions?

Mistero! Così come è un mistero l’operato della Lega, che prima stabilisce i calendari e poi fa dietro front, proponendoci uno spezzatino in salsa inglese! Rivoglio il mio calcio, quello che si giocava tutti insieme appassionatamente la domanica pomeriggio, cambiando orario col mutare le stagioni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>