Luis Enrique vuole i tre punti, ma teme l’Atalanta

di Gioia Bò Commenta

Promette bene il primo anticipo della sesta giornata di campionato tra una Roma rinfrancata dalla vittoria esterna sul campo del Parma ed un’Atalanta che viaggia a mille e che senza il calcio scommesse si sarebbe potuta concedere il lusso di guardare tutti dall’alto in basso. Luis Enrique è ottimista e vuole conquistare la prima vittoria davanti ai propri tifosi:

Noi arrivamo dopo la prima vittoria, arrivata in trasferta, e dopo una settimana di allenamento che ritengo interessante. Giocheremo all’attacco e senza concessioni all’avversario, come sempre Per noi sarà importante domani cercare la simbiosi con i nostri tifosi. Vogliamo vincere la prima partita in casa per loro.

Questo però non significa che sottovaluti le potenzialità della squadra rivelazione di questo inizio campionato, la quale oltre a vincere, riesce anche a convincere gli addetti ai lavori:

Giochiamo contro la squadra migliore del campionato, stando ai punti fatti. Sarebbero in testa alla classifica senza la penalizzazione. E’ una squadra forte, difficile da incontrare, capace di giocare sia in contropiede, sia con passaggi lunghi. Sono preoccupato per il loro stato fisico. E’ una partita molto difficile, perché l’Atalanta ha grande ritmo e giocatori pericolosi.

Si continua a parlare del suo metodo di gioco:

C’è ancora molta strada, ma sto vedendo dei miglioramenti e la voglia dei calciatori di fare qualcosa di diverso. Non chiedo pazienza  e so che alla fine contano solo i risultati. Per questo spero che la squadra possa giocare come voglio nel minor tempo possibile.

L’ultima battuta è per il derby, in programma subito dopo la sosta per gli impegni della nazionale nelle qualificazioni ad Euro 2012:

Il derby? Meglio arrivarci con una vittoria. Manca ancora tanto tempo per questa partita. Passeremo due settimane parlando di questa gara. Ma adesso pensiamo all’Atalanta perché vincere sarebbe un grande stimolo per noi.

Meglio arrivarci con una vittoria, ma probabilmente l’Atalanta non sarà dello stesso avviso.

[Photo Credits | Getty Images]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>