La Covisoc segnala 36 società non in regola, pronte multe e forse penalizzazioni

di Marco Mancini 3

Foto: AP/LaPresse

Non siamo, per fortuna, al livello degli scorsi anni in cui, in questo periodo di conti e bilanci, era decine le squadre professionistiche a rischiare l’iscrizione per l’anno successivo. Il problema di quest’anno è nuovo e si chiama “conto dedicato”. In pratica ogni club deve mettere a bilancio tale voce da cui prendere i soldi per pagare gli stipendi a calciatori e staff. Secondo la Covisoc ci sono 36 squadre, di cui 6 di Serie A e 6 di B, che non hanno utilizzato questo fondo, ma hanno pagato i calciatori prendendo i soldi da un’altra voce di bilancio.

Quello che sicuramente si contesterà alle società non è il mancato pagamento degli emolumenti, ma la scorrettezza nelle voci di bilancio. Per questo Giancarlo Abete si è affrettato a precisare che non ci sono rischi grossi per i club coinvolti, che sicuramente si beccheranno una bella multa, ma tutto potrebbe finire qui. E’ quello che tutti gli amanti del calcio di augurano, ma c’è anche la possibilità che, se la Procura riterrà che le scorrettezze sono state eccessive, potrebbe infliggere anche alcuni punti di penalizzazione in classifica ai club coinvolti, che potrebbero dunque portare a cambiamenti nella classifica finale.

Commenti (3)

  1. … quali squadre devono proteggere!!! la roma????

  2. … quali squadre devono proteggere!!! la roma????

  3. non si sa, non hanno voluto rendere noti i nomi dei club, ma non penso debbano proteggere nessuno…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>