Eduardo da Silva torna in campo

di Gioia Bò 12

L’immagine ha fatto il giro del mondo e ancora oggi, a riguardarla, fa accaponare la pelle. Era il 23 febbraio scorso. data che i diretti interessati non cancelleranno mai dalla propria memoria, seppure per motivi diversi. L’attaccante dell’Arsenal Eduardo da Silva ha rischiato di appendere gli scarpini al chiodo con largo anticipo, a causa di un intervento killer del difensore Martin Taylor, in forza al Birmingham.

Nei giorni successivi i blog si riempirono di accuse pesanti nei confronti dell’autore del fallo, mentre il giovane croato di origine brasiliana cercava conforto nei medici, per sapere se e quando sarebbe potuto tornare a calcare un campo di calcio.

Sull’onda dell’emozione in molti proposero la squalifica per un’intera stagione o addirittura a vita per interventi simili, che in altre occasioni hanno stroncato brillanti carriere (date un’occhiata qui per rendervene conto). Per fortuna non è il caso di Eduardo, che a distanza di dieci mesi è tornato a correre su un rettangolo verde (anche se con la squadra delle riserve dei Gunners) e che ora spera quanto prima di poter tornare utile alla squadra.

Sono felicissimo e ho avuto ottime sensazioni. Voglio ringraziare i tifosi perché mi sono stati sempre vicini durante questi mesi. Ora devo recuperare al più presto la condizione, non vedo l’ora di giocare in Premier.

Queste le parole di Eduardo subito dopo la gara che lo ha visto protagonista per 45 minuti, prima che un risentimento al ginocchio lo costringesse all’uscita. Lui si dice pronto a tornare in campo già dal prossimo 3 gennaio, ma bisognerà valutare se e quanto sia realmente in grado di riprendere la normale attività di giocatore professionista. Mister Wenger ha fatto giustamente notare che Eduardo potrebbe avere dei problemi a livello psicologico:

Per un attaccante il contrasto con il difensore è inevitabile e ogni tentennamento rischia di compromettere il gol: questo è il punto interrogativo per quanto lo riguarda. E’ vero, lui è un ragazzo molto coraggioso, ma spesso non è possibile controllare certe reazioni. In allenamento tutti sono molto attenti, perché nessuno vuole assumersi la responsabilità di un tackle sbagliato che possa causargli un nuovo infortunio.

In ogni caso, l’importante è che sia tornato a giocare a calcio, dopo aver temuto di dover abbandonare per sempre il sogno più grande. Bentornato Eduardo!

Commenti (12)

  1. Aspettavo da molto tempo il suo ritorno….e spero che possa ritornare forte com’era prima di questa brutta esperienza.
    E ricorda Eduardo…..non ti sono vicini solo i tifosi dei Gunners, ma tutto il mondo del calcio!

  2. Bravo… anche io sono con lui anche se sono una milanista cmq sono con te… e vorrei che il giocatore taylor sia squalificato a vita…. ma se hanno detto solo per tre giornate sono veramente matti…… Eduardo sei mitico.. sei tornato e hai fatto goal mitico

  3. Io gioco a calcio ma nn ho mai visto una cosa del genere in un campo da calcio…. può succedere che uno si fa male come mi sono fatto male,ma con quello che ha fatto direi proprio che un’espulsione ci sarebbe stata l’ideale… mai visto…. un giocatore come taylor deve essere mandato a casa… rischiava l’amputazione della gamba e la fine della carriera….. si dovrebbe vergognare…. tutti!! di aver dato solo tre giornate…. che vergogna

  4. BRAVO EDUARDO! TAYLOR BRUTTO FIGLIO DI TROIAAAAA

  5. bravo edo…ti stimo e ti ammiro.. torna a farci sognare

  6. eduardo sei il + forte,hsi molto coraggio

  7. grande eduardo ti stimo quel bastardo di taylor quel figlio di puttana!!!!

  8. eduardo fai skifoooooooooooooooooooooo anke tu taylorrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

  9. complimenti ad eduardo ma taylor deve essere perdonato,secondo me non l’ho ha fatto con molta intenzione

  10. ciaooo sn mirko a me piace molto eduardo da silva lo stimo dopo tutto quello ke ha passato ma ora cerca di andare avantii….facci sognaree

  11. nn riesco a credere che eduardo è tornato;eduardo ti stimo stammi bene

  12. @ anonimo:a quel coglione che a detto che fa schifo ma vaffanculoooooooooooooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>