Le pagelle di Dnipro – Napoli 3-1

di Giovanni Ferlazzo Commenta

 Per la seconda volta consecutiva il Napoli paga il massiccio turnover in Europa League, e crolla anche sul campo del Dnipro. La qualificazione non è compromessa ma bisogna fare attenzione, e vincere risultati positivi almeno al San Paolo, battendo soprattutto il PSV. Non c’è stata partita questa sera, specialmente nel primo tempo, chiuso a favore degli ucraini di due reti. Poi il tris, l’ingresso di Cavani dà la riscossa, l’uruguaiano segna su rigore, ma non basta. Ecco le pagelle degli azzurri:

Rosati 5 – Un paio di buoni interventi, ma combina un mezzo pasticcio in occasione del secondo gol e in parte anche nel terzo.

Gamberini 5 – Non si salva affatto dal disastro difensivo napoletano. Incapace a tenere gli avversari, lo si trova spesso fuori posizione.

Fernandez 4 – Il peggiore in campo in assoluto. Non solo commette gravi errori difensivi, ma sul finale del primo tempo perde la testa e colpisce con una leggera testata un avversario. L’arbitro lo grazia: solo giallo.

Aronica 4,5 – Sbaglia troppo sia quando c’è da impostare il gioco, sia in fase difensiva. Sul secondo gol partecipa al pasticcio generale da protagonista.

Mesto 5,5 – Ha perlomeno il merito di provarci anche se non è concreto. Si sacrifica spesso dietro.

Zuniga 5 – Migliora leggermente nella ripresa, ma il vero Zuniga è un altro giocatore. Stasera è entrato in campo un sosia, ben più scarso.

Donadel 5 – In gravissima difficoltà nel primo tempo, un po’ meglio solo quando il Napoli si risveglia. Anzi, viene risvegliato da Cavani.

Dzemaili 5 – Nulla di che, perde sempre il confronto con gli avversari.

Dossena 4,5 – Ha colpe sul primo gol, sbaglia quasi tutti i palloni. Disastroso. (Pandev 6 – Insieme a Cavani prova a dare la scossa alla squadra, e saltuariamente ci riesce).

Vargas 5 – Ora, comprendiamo l’esistenza di gerarchie, ma a questo punto non sarebbe meglio mandarlo all’estero invece di bruciarlo con il turnover? (Cavani 7,5 – Da solo cambia quasi tutta la squadra. Segna il gol che accorcia le distanze e sfiora il secondo su punizione. L’unico a crederci. L’unico vero top player oggi del Napoli).

Insigne 5,5 – Ci mette la grinta, ma purtroppo non basta a salvare la sua partita.

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>