Napoli, la terza rapina spinge Hamsik lontano dalla città

di Marco Mancini 2

Buona la terza. Almeno per chi c’è dietro tutte queste rapine ai calciatori del Napoli. La magistratura sta cercando di capire se dietro questa lunga sequela di rapine (Zalayeta, Russotto, Navarro, Fideleff, Aronica e le mogli di Cavani e Lavezzi) ci sia la criminalità organizzata o si tratti solo di casi fortuiti. Ad avviare l’indagine è stata la sezione “reati da stadio” dopo che Marek Hamsik è stato vittima della terza rapina in 6 anni di Napoli.

Ancora non ci sono iscritti nel registro degli indagati o indagini concrete, ma si cerca di capire se dietro questi episodi ci sia la camorra che in qualche modo cerca di lanciare messaggi alla società. Intanto però l’ultimo avvenimento ha spaventato il calciatore che si potrebbe essere stancato. Queste le sue parole:

È la terza volta che mi accade da quando sono qui, ma comunque non è nulla di che. Sono disagi che purtroppo appartengono a Napoli.

Secondo fonti vicine al calciatore non è vero che “non è nulla di che” dato che stavolta lo spavento è stato forte, vista la pistola puntata direttamente sul suo volto. Tutto ciò non fa altro che destabilizzare l’ambiente napoletano, già pieno di problemi da Cavani che fa l’occhiolino alle squadre spagnole a Mazzarri che ogni anno dice di volersene andare. Hamsik è molto apprezzato dai club italiani, Inter in testa, ma anche Juve e Milan, ma per lui sembra più probabile una destinazione straniera come Parigi o Manchester. E se fino a qualche giorno fa non ci voleva pensare, ora questo tarlo comincia a girarli in mente.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>