Usa – Algeria 1-0 – Mondiali 2010

di Moreno 2

Un orecchio verso Inghilterra-Slovenia e Stati Uniti-Algeria si sono affrontate nell’ultima sfida di qualificazione del gruppo C con una certezza speculare: per passare il turno, occorreva solo vincere (per non sperare in particolari e complicati calcoli). Schieramenti tattici differenti – 4-4-2 per gli americani a fronte del 3-4-2-1 algerino – e piccoli problemi di formazione solo per gli Usa, costretti a fare a meno di Findley.

Tra gli africani, rientro di Ghezzal dopo il turno di squalifica. Facendo fede alle premesse, i 22 in campo offrono 90′ di ritmo intenso e gioco offensivo: non mancano occasioni da gol fin dalla prima frazione, quando gli algerini riescono a essere più costanti (traversa in avvio con Djebbour) e gli avversari maggiormente prolifici. Sono infatti gli uomini di Bradley a sfiorare ripetutamente il gol con Dempsey ed Altidore, a cui va la responsabilità (negativa) di essersi divorati marcature in apparenza agevoli.

Grave svista arbitrale per De Bleeckere al 20′, quando agli statunitensi viene ingiustamente annullato un gol: Gomez allunga per Dempsey che insacca in spaccata. Per la terna è off side (non per la moviola). La ripresa avvalla la teoria iniziale: il concomitante vantaggio inglese, infatti, qualifica di fatto gli uomini di Capello e la Slovenia. Gli Usa sembrano crederci maggiormente e il Ct americano sceglie di cambiare modulo: l’ingresso di Feilhaber spalanca i portoni al 4-3-3 con cui Edu e compagni tentano l’affondo decisivo ma sono gli algerini a interpretare meglio i primi minuti di gioco; manovra lineare ma  – ancora una volta – evanescente.

Gli uomini a stelle e strisce soffrono ma reagiscono con ripartenze in velocità: al 12′ ancora Usa vicinissimi al vantaggio con Dempsey che riesce a colpire il palo interno alla sinistra di Mbolhi e a vanificare la ribattuta a porta vuota. Il finale continua a essere di griffe statunitense: Donovan e Bradley provano a prendere per mano i compagni ma il punteggio pare non schiodarsi. E invece.  E’ proprio Donovan nei minuti di recupero (92′) a regalare il passaggio del turno agli americani: una prodezza che ha del miracoloso, anche perchè gli Usa passano come primi del girone. Rosso nel finale per Yahia.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>