Spagna – Honduras 2-0 – Mondiali 2010

di Gioia Bò 1

Dopo l’abbuffata di gol del pomeriggio con il Portogallo che ne rifilava ben sette alla Corea del Nord, ci si aspettava che la Spagna facesse altettanto contro il modesto Honduras, se non altro per riscattare la sconfitta dell’esordio e per mettere in cascina qualche rete utile nel caso di parità di punteggi dopo la terza giornata.

E invece la squadra di Del Bosque si è limitata al minimo indispensabile, almeno nel numero di gol, sebbene di occasioni ne abbia create a volontà. I primissimi minuti di gioco erano a favore dell’Honduras, che cercava di mettere i brividi alla difesa avversaria. Nulla di particolarmente pericoloso, ma comunque abbastanza per svegliare le Furie Rosse, memori dello schiaffo preso contro la Svizzera e decisi a non ripetere la figuraccia.

E allora ecco la Spagna prendere in mano le redini del gioco, con un possesso palla che diventava pressoché continuo e con buone trame offensive che portavano al tiro Torres, Villa (traversa) e Ramos, ma senza che il pallone riuscisse a varcare la linea di porta. Per arrivare alla rete bisognava attendere fino al minuto numero 17, quando David Villa riceveva un traversone da lontano, dribblava un difensore ed infilava sotto il sette.

Di lì alla fine del primo tempo sarà solo Spagna, con ancora diverse occasioni mancate, specie da Fernando Torres, che nel giro di un minuto mancava addirittura due appuntamenti con il gol.

La ripresa  si apriva nello stesso modo, con la Spagna che faceva il bello ed il cattivo tempo, pervenendo al raddoppio al 6′ minuto sempre con Villa, che tirava dai 20 metri e trovava la deviazione di un difensore avversario. Probabilmente nella stessa azione c’era un fuorigioco attivo di Xavi, ma questo pareggia i conti con un paio di rigori non concessi alla Spagna del corso della prima frazione di gioco. Rigore che arrivava invece al minuto numero 16 per un evidente fallo su Navas: tiro di Villa e palla fuori alla sinistra del portiere.

Ora la Spagna dava l’impressione di accontentarsi, pur continuando a mantenere il possesso palla. Da segnalare qualche altra occasione (vedi quella di Fabregas), ma alla fine sarà solo 2-0. Ora la classifica del girone recita Cile 6, Svizzera e Spagna 3, Honduras 0 e tutto ancora da decidere.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>