Olanda – Danimarca 2 – 0 – Mondiali 2010

di Marco Mancini 2

Si aspettavano tanto spettacolo da questa partita, ed i tifosi non sono rimasti delusi. Olanda-Danimarca sembra giocarsi due volte, con un primo tempo orribile ed un secondo ad alto livello di spettacolo. La tattica dei danesi è semplice: limitare i danni contro l’Olanda, magari strappando un punto, per poi guadagnare la qualificazione nelle prossime due partite.

Gli oranje invece non ci stanno, e vogliono confermare il punteggio pieno nel girone di qualificazione anche qui al Mondiale. Il primo tempo rispecchia i valori in campo, con gli uomini di Van Marwijk che dominano e i danesi che tentano qualche sortita in contropiede, senza mai rendersi pericolosi.

Ma se il primo tempo si conclude sullo 0-0 senza grosse emozioni, ben diverso è il secondo. La ripresa infatti si apre immediatamente con un gol, anzi, il primo autogol del Mondiale. A segnarlo è Agger, ma la colpa è tutta dello juventino Poulsen, che devia sulla sua schiena un pallone facile da gestire. Il rimpallo sblocca la gara e comincia lo spettacolo. I danesi spingono di più, ma non riescono a tirare in porta, mentre Sneijder è devastante e mette palloni in area in continuazione. L’Olanda rischia anche di rimanere in 10 perché Van Persie, già ammonito, non si ferma al fischio del fuorigioco e insacca, ma l’arbitro lo grazia.

Il raddoppio è rinviato solo di una decina di minuti perché nell’ultimo quarto d’ora gli olandesi si scatenano: traversa di Sneijder, palo di Elia, gol di Kuyt e quasi gol di Afellay, con Poulsen che devia la palla sulla linea. L’Olanda ha già un piede agli ottavi, la Danimarca deve cambiar molto se vuol rimanere in Sudafrica.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>