Milan, come cambia senza Ibra

di Marco Mancini Commenta

Foto: AP/LaPresse

Ibrahimovic sarà appiedato per tre giornate, decisione del giudice sportivo dopo il pugno a Rossi di domenica scorsa. La condotta violenta prevede almeno 3 giornate di squalifica, ed anche se il Milan presentasse ricorso, c’è il rischio di vederne ridotta al massimo una, ma ciò non toglierebbe il problema principale, e cioè che i rossoneri dovranno affrontare il derby contro l’Inter senza il loro attaccante migliore.

Questa stupidaggine ora manda in crisi Allegri perché ha un attacco affollatissimo di ali e mezze punte, ma l’unica punta centrale era proprio Ibra. Dunque come comportarsi? Dalle prime indiscrezioni, il Milan potrebbe giocare con un 4-4-2 che prevede Pato come punto fisso e Cassano e Robinho ad alternarsi al suo fianco. Ma il modo di giocare dovrebbe cambiare un po’, visto che Ibra è insostituibile, e di certo Pato non è un ariete.

L’esperimento, che verrà attuato domenica prossima a Palermo, e se andasse bene verrebbe riconfermato nel derby, dovrebbe prevedere, oltre ai soliti 4 di difesa, un centrocampo tutto muscoli con Flamini, Gattuso, Van Bommel e Boateng, con inizialmente la coppia Robinho-Pato, e Cassano a subentrare successivamente. L’impressione è che la parola d’ordine sia “non prenderle”, sperando che la coppia brasiliana si inventi qualcosa lì davanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>