Maldini racconta la sua verità e attacca il Milan

di Gioia Bò 3

E’ il momento della verità per Paolo Maldini, contestato dai propri tifosi proprio nel giorno del saluto ufficiale a quello che è stato il suo stadio per ben 25 anni. Il capitano rossonero si lascia andare ad un lungo sfogo dalle pagine della Gazzetta, ammettendo che mai avrebbe immaginato un addio in un clima simile. Ma quello che più brucia è la posizione assunta dalla società nei confronti dell’episodio:

Mi ha deluso il silenzio della società: non mi è piaciuto che non abbia preso posi­zione. Non c’è stato neanche un commento: dal presidente in giù, nessun dirigente ha detto una pa­rola. Io sarò un idealista, ma cre­do che una società come il Milan si debba dissociare da certi episo­di.

Non ha tutti i torti il Capitano, dopo aver dato gran parte della sua vita ad una maglia, contribuendo in maniera determinante a parecchi successi. Riguardo poi alla contestazione, questo è il Maldini-pensiero:

Gli episodi veri sono due. Il pri­mo al rientro da Istanbul dove, pur perdendo, avevamo giocato una finale stupenda, nettamente meglio del Liverpool. All’aeropor­to siamo stati contestati: ‘Dovete chiederci scusa’. Io giocavo da una vita e dovevo chiedere scusa a un ragazzo di 20 anni? E poi scu­sa di cosa? Di aver perso una par­tita giocata in modo straordina­rio?

Il secondo episodio invece risale alla Supercoppa del 2007, quando gli ultrà rossoneri non tifarono e impedirono agli altri tifosi di far sentire il proprio calore alla squadra, beccandosi poi i rimbrotti di Maldini a mezzo stampa. Una situazione che ha incrinato i rapporti tra il difensore e la curva, ma vi sembra abbastanza per rovinargli un giorno di festa come quello di domenica scorsa?

Commenti (3)

  1. i tifosi del milan e la società sono incoerenti, sfruttano le persone e stop

  2. onore al CAPITANO calciatore e uomo!!!!curva sud vergogna del Milan!!!Fuori ultras dagli stadi!Il ringraziamento per aver vinto tutto in 25 anni. Come x la societa, bastano 2 anni senza vincere x essere contestati e minacciati! Silvio vendi il Milan e manda tutti a fare in c….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>