Inzaghi: “Vediamo se il Milan avrà bisogno di me”

di Stefano Rodinò 1

Pippo Inzaghi è stato 90 minuti in campo, giocando l’intera partita. Ma era solo una gara fatta con la Primavera del Milan, per mettere minuti nelle gambe e ritrovare la miglior condizione. Nessuna bocciatura quindi per SuperPippo, ma una sua personale scelta per esser pronto a tornare con la prima squadra, come spiega a MilanNews in questa intervista:

Ci tenevo a giocare 90 minuti, perché ero fermo da un anno. Anzi forse era più di un anno che non giocavo 90 minuti dal match col Catania dell’anno scorso. Sono contento, è stata dura, oggi la cosa più importante era mettere minuti nelle gambe

Il numero nove rossonero non ha segnato nessun gol, ma ha aiutato la primavera a vincere e si è confrontato in una partita vera, e non in partitelle d’allenamento:

Ho preferito giocare con la Primavera perché in una gara è diverso rispetto all’allenamento. Sono contento perché abbiamo vinto, i ragazzi ci tenevano tantissimo, adesso devono solo continuare così

Il Grave infortunio al ginocchio che ha tenuto Inzaghi lontano dai campi per quasi un anno sembra solo un brutto ricordo, e ora l’attaccante vuole tornare ad esser decisivo e utile per il Milan, per questo si sta allenando e impegnando a fondo:

Mi alleno duramente e cerco di farmi trovare pronto, sono sereno, la voglia di tornare ad alti livelli è tanta, perché mi diverto ancora. Voglio giocare, sentirmi utile, sto cercando di fare il possibile per tornare in forma Il ginocchio sta bene, ormai l’infortunio è un lontano ricordo

Inzaghi adesso ha due mesi per capire quale sarà il suo futuro, e se in questo Milan che ha davanti gente come Ibrahimovic, Robinho, Pato, El Shaarawi ci sarà ancora spazio per Pippo. Lui vorrebbe continuare a giocare con questa maglia, ma in caso non ci fosse spazio, lascia aperta una porta per un’eventuale cessione nel mercato invernale:

Il mio sogno è finire qui la mia carriera e i presupposti ci sono tutti, ma bisogna vedere se c’è ancora bisogno di me. Voglio continuare finché mi sento importante. Non vorrei mi facessero smettere gli altri, voglio prenderla io questa decisione. Poi vedremo cosa succede nei prossimi due mesi poi vedremo cosa succede da qui a gennaio. Sono legato a questa maglia e a questo stadio, mi hanno dato tutto, ma bisognerà vedere se ci sarà bisogna di me

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>