Allegri punta su Cassano

di Gioia Bò Commenta

Foto: AP/LaPresse

Ha giocato solo uno scorcio di gara contro il Cagliari, ma sua fantasia è determinante ai fini del risultato finale, grazie ad un assist che ha permesso al giovane Strasser di firmare la sua prima rete tra i professionisti. Antonio Cassano è il valore aggiunto di questo Milan ed il tecnico Allegri è pronto a scommettere ad occhi chiusi su di lui:

E’ rimasto fermo due mesi, sta lavorando in una squadra che va a cento all’ora. E’ importante che entri con la testa giusta quando viene chiamato in causa. La sua classe è immensa, può farci fare il salto di qualità con il suo talento.

Ma per un talento che è arrivato alle sue “dipendenze” un altro se ne è andato. Ronaldinho non ha ancora una casacca da indossare da qui a giugno, ma è certo che non calcherà più i rettangoli verdi del Belpaese:

Tra me e Dinho c’è sempre stato grande rispetto reciproco. Certo, con me giocava poco, ma sapeva che tutte le mie scelte erano funzionali al bene del Milan. Sarà comunque difficile rivedere in Italia un giocatore dal tasso tecnico così elevato.

Intanto, fantasisti o meno, domani arriva l’Udinese in quel di San Siro e la gara non è così semplice come direbbe la classifica:

Per noi sarà molto difficile, anche di più che a Cagliari. L’Udinese ha molta qualità tecnica, giocatori veloci che ribaltano l’azione. Quella di Guidolin è una compagine che esprime un ottimo gioco perché è ben organizzata, noi dovremo giocare con pazienza ed intelligenza, senza lasciarci prendere dalla frenesia. Per noi è un appuntamento fondamentale e credo che potremo fare meglio che in Sardegna.

Qualche indiscrezione sulla formazione ed una tirata d’orecchi a Pato, chiamato ora a guadagnarsi il posto:

A centrocampo ho solo tre giocatori, ovvero Strasser Seedorf e Gattuso. Robinho potrebbe giocare sulla trequarti ma non ho ancora deciso se impiegarlo, potrei anche schierare Merkel in quel ruolo. Pato? Adesso che sta bene, è ora che si metta a pedalare, perché gioca in un reparto con gente come Ibrahimovic e Robinho.

Ne avessero tutti i tecnici di questi problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>