Le pagelle di Vaslui – Inter 0-2

di Davide Piteo Commenta

Missione quasi compiuta per l’Inter di Stramaccioni, che in casa del Vaslui riesce ad imporsi per 2-0 grazie alle reti di Cambiasso prima e Palacio poi. Discorso qualificazione ormai abbondantemente archiviato, infatti la formazione milanese non dovrebbe incontrare grosse difficoltà la prossima settimana tra le mura amiche del San Siro nel concludere il capitolo qualificazione.

>> SINTESI E VIDEO DI VASLUI – INTER 0-2

VASLUI
Coman 6 –
  Gioca una discreta partita facendo il suo fino alla rete di Palacio, cui il giocatore neroazzurro ha quasi totalmente chiuso il capitolo qualificazione.

Milanov 6 – Corre, spinge e spera ma tutto il suo sperare serve a poco, ma per quanto dato conquista la sufficienza, unica nota positiva della sua serata.

Celeban 5 – gioca con grande ansia, spesso e volentieri perde Palacio e non fa nulla per cambiare la situazione.

Cauè 5 –  Entra a gara ormai quasi finita, ma nonostante i pochi minuti a sua disposizione mostra un destro niente male per potenza ma totalmente da rivedere la precisione.

Charalambous 6, 5 – E’ senza dubbio tra i migliori del Vaslui, non solo controlla Milito ma cerca e sfiora anche la rete.

Salageaniu 5 –  Anche se non avesse giocato la sua assenza nessuno dei suoi compagni avrebbe avuto modo di vederla, visto il poco rendimento in entrambe le fasi.

Antal 6,5 – Anche lui conquista la palma di migliore della serata, sulla fascia dimostra le sue qualità, ossia la tecnica di cui dispone ed anche la faccia da duro che in campo non guasta mai.

N’doye 6,5 – non sarà certo uno dei migliori centrali che la storia ricordi, ma il suo lavoro lo fa bene.

Varela 5 – totalmente insufficiente la sua prestazione, chiuso da Cambiasso e Guarin, non

Stanciu 5,5 – senza dubbio è un giocatore dotato di un buon talento, che il suo allenatore adattandolo internamente non ha saputo sfruttare.

Varga 5 –  Sulla sinistra cerca ma non trova la giusta fortuna, anche perché Zanetti interrompe la sua ricerca.

Sanmartean 6 – dopo qualche minuto capisce di essere in campo, tanto che comincia lòa sua crescita intorno alla quale avviene anche quella dei compagni, ma nel momento delle decisioni importanti scompare.

Niculae 6 – Dal canto suo e rispetto ad altri cerca d’impegnarsi anche se costantemente chiuso

Sburlea 5 – cerca di creare qualche problemino ma alla fine resta solo un semplice si rivela una falsa minaccia.

INTER
Castellazzi 6,5 –
partita sostanzialmente tranquilla la sua, ma al momento in cui deve sfoderare le sue qualità lo fa, imponendosi su N’Doye.

Maicon  6 – gioca una discreta partita infatti quando accelera fa bene ma si rivela anche egoista

Silvestre 6,5 – gioca una buona partita pulisce la dove bisogna pulire  ed imposta quando arriva il momento di farlo

Ranocchia 6,5 – gioca una partita di carattere, mostrando qualità e quantità

Zanetti 6,5 – alla sua gara numero 800 gioca come se fosse la prima, giocando con le qualità di un grande capitano ossia con  impegno, qualità e quantità.

Guarin 6,5 –  gioca un’ottima gara, detta i tempi, segue sempre le azioni.

Cambiasso 7 –  Il sereno sembra essere tornato dalle parti del giocatore argentino, il quale ha il merito di aprire le marcature.

Mundingayi 6 – il suo dovere lo fa ma un problema muscolare lo blocca.

Nagatomo  6 – con impegno ed attenzione tipica dei popoli asiatici, gioca la sua partita e blocca Antal.

Palacio 6,5 – gioca bene, s’impegna, e soprattutto realizza la rete del 2-0 con cui l’Inter ha fatto un passo deciso verso la qualificazione.

Milito 5 – gioca bene con le sponde senza però mai arrivare al tiro, cosa che dovrà recuperare  in tempi rapidi il principe.

Coutinho 4,5 – gioca con troppa foga, certo impegnarsi per attirare l’attenzione del mister va bene, ma lui esagerare e prende anche il giallo.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>