La caviglia di Rooney, il Manchester ed il Real

di Roberto Bosio 1

Wayne Rooney interviene a gamba tesa su Sir Alex Ferguson. Probabilmente una reazione alle recenti esclusioni: Sir Alex lo aveva lasciato fuori nella partita di Champions con il Valencia e nelle gare di Premier con Sunderland ed Everton – il primo match dopo le rivelazioni sulla sua relazione con la escort Jennifer Thompson – sostenendo che avesse dei problemi alla caviglia dopo l’infortunio dello scorso aprile.

Ai media inglesi Rooney ha raccontato che

Non ho mai avuto alcun fastidio alla caviglia in tutta la stagione e se mi chiedete perché Ferguson ha detto questo, vi rispondo che non lo so. Ho perso qualche gara quest’anno e (…) voglio continuare a giocare con costanza e ad allenarmi duramente ogni giorno, come faccio da quando sono ragazzino, così che i gol arriveranno, e una volta che ne arriverà uno, non mi fermerò più.


Dopo questa dichiarazione è facile immaginare una convivenza complicata tra l’allenatore del Manchester e la sua stella. Sir Alex è un manager tanto bravo quanto burbero ed irascibile, per cui oggi è molto più probabile un divorzio tra Rooney ed il Manchester United alla fine di questa stagione.

Anche perché ci sarebbero tante squadre pronte ad accoglierlo a braccia aperte. E in prima fila c’è il Real Madrid. In questi giorni Josè Mourinho si è “lasciato” scappare che sarebbe

molto felice di poter lavorare con Rooney.

mentre il Sun ed il Daily Star scrivono di un’offerta delle Merengues dell’ordine di 85 milioni di euro.

Una montagna di soldi, se si considera per di più che il contratto di Wayne Rooney scadrà a giugno del 2012. E poi come racconta David Gill, storico dirigente dello United

Non abbiamo bisogno di vendere. Abbiamo soldi in cassa e non c’è motivo per cedere un giocatore come Rooney o altri.

ma poi se uno – come Ronaldo – vuole andare via e si possono ottenere un sacco di soldi non si chiude la porta a nessuno. Anche se ora

abbiamo 165 milioni di sterline in cassa, ma preferirei avere 80 milioni e Ronaldo in campo.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>