Ernst Happel Stadion: il teatro della finale europea

di Gioia Bò 1

Nel nostro viaggio virtuale alla scoperta degli impianti più suggestivi del mondo, non poteva certo mancare una tappa nello stadio che tra poco più di quarantotto ore avrà milioni e milioni di occhi puntati addosso, l’Ernst Happel Stadion, scelto come sede per la finale di Euro 2008.

Fu costruito in soli ventitre mesi di lavoro negli anni a cavallo tra il ’29 ed il ’31 ed oggi rappresenta il più grande ed importante stadio austriaco, potendo contenere poco più di 50.000 spettatori.

Inizialmente venne denominato Praterstadion e solo nel 1992 venne ribattezzato con il nome attuale in onore di Ernst Happel, il più forte giocatore austriaco di ogni tempo, nonché allenatore, capace di conquistare ben 18 titoli con sei squadre diiverse in Belgio, Germania, Austria ed Olanda. Un vero monumento del calcio austriaco insomma.


Ma torniamo all’impianto, considerato nei primi anni di vita un vero e proprio portafortuna per la nazionale di casa, che non usciva mai battutta dalla sua roccaforte. Erano gli anni della Wunderteam, la migliore Austria che si sia mai vista giocare su un campo di calcio. Bei ricordi per gli austriaci che ora si trovano a dover fare i conti con una compagine qualificata solo perché paese ospitante!

Uno stadio che meriterebbe di certo una nazionale più competitiva, visto che le sue porte si aprono quasi esclusivamente per ospitarne le prestazioni.

Per di più, in occasione di Euro 2008 lo stadio è stato sottoposto a costosi interventi di ammodernamento con l’istallazione di un impianto di riscaldamento per il manto erboso, la collocazione sulle tribune di due maxi-schermi, la creazione di una zona di 1600 metri quadrati per ospitare stampa e tv ed il potenziamento dei dispositivi di sicurezza.

Un vero sforzo economico quello sostenuto dal Comune di Vienna (37 milioni di euro), per presentare all’Europa intera un Ernst Happel Stadion completamente ristrutturato.

Per la città di Vienna e per l’Austria tutta, è un vero esempio di modernità e di bellezza, aiutato anche dalla posizione strategica nei pressi del famoso Prater.

Insomma, uno spettacolo nello spettacolo, visitato in questo periodo da migliaia di turisti. Un vero monumento di architettura moderna che merita la finale della kermesse continentale.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>