La confessione di Blatter, stava per morire

di Alba D'Alberto Commenta

Blatter ha rischiato di morire. A 79 anni si è trovato a fare una confessione difficile a quanti ormai lo considerano un elemento irrinunciabile del calcio mondiale. Peccato che tutto sembri fatto a posta per protestare contro una sospensione ricevuta dal Comitato Etico della Fifa.

Blatter è stato sospeso dal Comitato Etico della Fifa per due milioni di franchi svizzeri pagati a Platini nel 2011 per una consulenza svolta fra il ’99 e il 2002. Questa situazione di enorme stress lo ha costretto a passare alcuni giorni in ospedale. Adesso arriva la confessione:

“Ho avuto una piccola crisi emozionale – ha dichiarato il presidente della Fifa, all’emittente svizzera Rts, rivelando di essere svenuto mentre stava visitando la tomba di famiglia – sono stato molto vicino alla morte. Ero fra il canto degli angeli e il fuoco del diavolo ma alla fine hanno vinto gli angeli”.

“La pressione era enorme – dice sulle ragioni che lo hanno condotto in ospedale – Se sei forte mentalmente, puoi resistere ma può arrivare il momento in cui il corpo dice no e c’è stato un momento in cui il mio corpo ha reagito male”.

Platini è un uomo onesto – conclude Blatter, che pure poco tempo fa lo aveva accusato di complottare contro di lui – anche le regole Fifa prevedono che un contratto può essere stipulato oralmente ed è questo il caso, è un contratto di lavoro. Platini sarebbe un buon presidente per la Fifa, se potrà candidarsi sarà eletto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>