È iniziato il campionato di calcio americano ma non ne parla nessunio

di Alba D'Alberto Commenta

È molto difficile trovare delle notizie sul campionato di calcio americano che sembra non destare attenzione se non per opera di qualche giornale più audace e illuminato. Il Post, per esempio ha parlato dell’avvio del MLS che per gli italiani è attrattivo soltanto a fine stagione. 

Il campionato di calcio inizia il 7 marzo e finisce il 25 ottobre e i playoff si disputeranno a fine stagione tra ottobre e dicembre. In tutto ci sono 20 squadre divise come nell’NBA in due conference, Western ed Eastern in base alla posizione della città. Ecco cosa ci racconta il post del calcio americano:

Fra sabato 7 marzo e stanotte, ora italiana, si è conclusa la prima giornata di Major League Soccer (MLS), il più importante campionato nordamericano di calcio. La MLS si gioca dal 1996 e ha una struttura diversa da tutti i principali campionati europei e sudamericani, considerati i migliori al mondo: non ci sono promozioni e retrocessioni – una squadra, per partecipare, può solo “comprare” il proprio posto – e la squadra vincitrice viene stabilita attraverso una lunga fase di playoff. È un sistema simile a quello dell’NBA e della NFL, i più importanti e seguiti campionati di basket e football americano al mondo. Negli anni sono stati compiuti diversi tentativi per rendere attraente e competitivo un torneo di calcio percepito come minore, e dalle regole un po’ astruse per chi segue il calcio europeo: le premesse, quest’anno, sono più incoraggianti del solito.

Fra sabato 7 marzo e stanotte, ora italiana, si è conclusa la prima giornata di Major League Soccer (MLS), il più importante campionato nordamericano di calcio. La MLS si gioca dal 1996 e ha una struttura diversa da tutti i principali campionati europei e sudamericani, considerati i migliori al mondo: non ci sono promozioni e retrocessioni – una squadra, per partecipare, può solo “comprare” il proprio posto – e la squadra vincitrice viene stabilita attraverso una lunga fase di playoff. È un sistema simile a quello dell’NBA e della NFL, i più importanti e seguiti campionati di basket e football americano al mondo. Negli anni sono stati compiuti diversi tentativi per rendere attraente e competitivo un torneo di calcio percepito come minore, e dalle regole un po’ astruse per chi segue il calcio europeo: le premesse, quest’anno, sono più incoraggianti del solito.

Il campionato si è arricchito di nuovi campioni a fine carriera come Kakà e David Villa, ma anche di giocatori piuttosto forti e relativamente giovani come Sebastian Giovinco. Parteciperanno per la prima volta al campionato due nuove squadre, con modelli di business originali: i New York City FC e gli Orlando City.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>