Casiraghi svela il mistero dei fuori quota

di Marco Mancini 1

Le critiche ai ct delle varie nazionali italiane non sono mai mancate. Dopo il flop di Donadoni, in parecchi (compresi noi) avevano criticato le scelte di Casiraghi sulle convocazioni alle Olimpiadi. Anche se in patria non sembra interessare tantissimo la spedizione di Pechino, così non è per le altre nazionali, pronte a fare un solo boccone dei nostri Under 21.

Le critiche principali sono venute per la scelta di non convocare fuori quota, modificata all’ultimo con l’innesto di Tommaso Rocchi per dare un pò di esperienza. Vista la possibilità di inserire almeno 3 fuori quota, era sembrato strano che mentre nelle altre squadre si raggiungeva questo numero, da noi questo non fosse possibile. Dopo aver incassato tanto, alla fine Casiraghi è sbottato e ha urlato tutta la sua rabbia:

«C’erano dei paletti. I gio­catori della Juve no, quelli della Fiorentina nemmeno (a parte Montolivo, ndr), quelli che avevano partecipato agli Europei neanche. Poi no anche dal Milan, l’Inter invece non ha praticamente italiani ed ecco che i calciato­ri delle prime squadre del campionato sono finiti fuori gioco»

Ecco spiegato perchè molti calciatori in odore di Olimpiade alla fine sono rimasti a casa. Quindi se dovessimo fallire come 4 anni fa, e come gli ultimi 60 anni, la colpa sarebbe da imputare solo ai club, o ad un regolamento del Coni troppo rigido.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>