Blatter favorevole alla moviola in campo sui gol fantasma

di Gioia Bò Commenta

L’ultimo episodio clamoroso è capitato nel nostro campionato, in una gara – Milan-Juventus – che può decidere l’intera stagione. Ma la letteratura calcistica è piena zeppa di situazioni come quella del gol-non gol di Sulley Muntari, che lo scorso sabato ha scatenato una lunghissima serie di polemiche. Josep Blatter, numero uno della Fifa, pur non riferendosi alle vicende del calcio nostrano, dice basta ai gol fantasma ed invoca l’uso della tecnologia per evitare situazioni spiacevoli ed inutili recriminazioni.

APERTURA ALLA TECNOLOGIA. Blatter non parla propriamente di moviola in campo, ma lascia intendere che il solo occhio umano (leggi arbitro di porta) non è sufficiente a scongiurare il pericolo. La proposta del Presidente della Fifa sarà presentata nel corso del summit dell’International Board che si riunirà domani a Bagshot, nei pressi di Londra:

Non vogliamo che si ripetano gli episodi dell’ultimo Mondiale. Credo di poter convincere il Board che noi dobbiamo fare un passo avanti con la tecnologia. Non possiamo più permetterci soltanto di aspettare e vedere.

IL PRECEDENTE AI MONDIALI 2010. L’episodio incriminato è il gol non assegnato a Lampard in Germania-Inghilterra nel Mondiale del 2010, quando la squadra di Capello venne pesantemente penalizzata, per poi uscire dalla competizione per mano dei tedeschi (e della terna arbitrale poco attenta). Il gol fantasma di Muntari potrebbe avere gli stessi effetti sul campionato italiano, ma al di là dell’esito della corsa scudetto, è chiaro che una sola azione potrebbe aver spostato gli equilibri, soprattutto a livello psicologico.

BLATTER CONTRO PLATINI. Se venisse accettata la proposta di Blatter, episodi simili non dovrebbero più verificarsi, con buona pace di quanti chiedono l’aiuto del mezzo meccanico sul rettangolo verde. Una proposta non sposata da Michel Platini, presidente della Uefa, da sempre ostile a qualunque tipo di aiuto “esterno”. Ma Sepp Blatter va avanti ugualmente nella sua battaglia:

Lui non la vuole ma io non andrò a un altro Mondiale per essere testimone di un altro caso di gol fantasma. Ci morirei.

[Photo Credits | Getty Images]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>