La Russia? Non è solo Arshavin! Parola di Aragonés

di Marco Mancini Commenta

In attesa dell’incontro decisivo tra Russa e Spagna, il ct spagnolo Aragonés mette in guardia i suoi giocatori dal rischio di sottovalutare l’avversario.
Malgrado la pesante sconfitta inflitta il 10 giugno alla squadra di Hiddink nel primo turno, con un 4-1 schiacciante, Luìs non cede a facili ottimismi.

L’allenatore della Spagna, con una certezza disarmante, dichiara:
La Russia che ci troveremo davanti non ha nulla a che vedere con la squadra che abbiamo affrontato e battuto il dieci giugno.
Dopo aver rivisto tutte le partite giocate finora dalla squadra russa nel campionato europeo, il ct non ha più dubbi che alla Russia “siano spuntati i denti”.
Per batterla occorrerà la stessa concentrazione e la medesima determinazione con cui la Spagna ha eliminato dal torneo l’Italia.
Aiutato dai medici della Selecciòn, Aragonés ha studiato a fondo le potenzialità tecniche degli avversari, arrivando alla conclusione che hanno una resistenza fisica e una capacità di reazione elevatissima.
Da quì l’ammonimento ai suoi giocatori di scendere in campo con la stessa tenacia, pronti ad uno scontro che sarà più difficile del previsto.


Malgrado l’allenatore spagnolo abbia invocato la stessa determinazione dimostrata dai suoi ragazzi contro l’Italia, non si può dire lo stesso per la strategia.
Il ct vuole infatti che si giochi in maniera totalmente opposta alla partita dei quarti.
L’obiettivo stavolta sarà di intraprendere da subito azioni offensive, per stancare gli infaticabili giocatori russi.
Il più grande timore di Aragonés è, infatti, che si giunga alla fine della partita con un risultato equilibrato tra le due parti, consentendo così alla Russia di venire fuori, sfruttando le grandi capacità di resistenza fisica.

Per questo motivo, David Villa e Marcos Senna saranno schierati sin da subito, malgrado non siano al 100% della forma fisica e non possano reggere lo sforzo di un’intera partita.
I giocatori spagnoli temono soprattutto la presenza di Asharvin, grande assente del dieci giugno.
Ma il ct è convinto che “la Russia non sia solo Arshavin” e che i suoi debbano temere anche un giocatore come Zhirkov, un’ala sinistra capace di seminare il panico tra i difensori.
Staremo a vedere se le sue previsioni si riveleranno azzeccate o se il suo pessimismo sia solo frutto di una strategia preventiva per costringere il gruppo a non dare nulla per scontato.
Soprattutto la vittoria.
[Fonte: www.elmundo.es]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>