Euro 2012, Buffon vuole evitare i rigori

di Gioia Bò 1

Sale la febbre in vista di Italia – Inghilterra, valevole per i quarti di finale di Euro 2012. A farsi portavoce delle speranze e delle preoccupazioni azzurre è Gigi Buffon, portiere e capitano della Nazionale, che spera vivamente di evitare la lotteria dei rigori e scommette su una gara equilibrata.

GARA EQUILIBRATA. Il portierone della Juventus campione d’Italia prevede una gara equilibrata:

Con l’Inghilterra abbiamo il 50% ciascuno di probabilità di vincere. Sarà una partita nella quale gli episodi faranno la differenza, La partita sarà equilibratissima e alla pari, non vedo nessuna favorita perché alla fine il percorso che abbiamo fatto e la storia di questi ultimi anni dice che sia noi che loro siamo in cerca di conferme e di un po’ di prestigio, che negli ultimi 3-4 anni è venuto un po’ meno.

PAURA DEI RIGORI. Una gara equilibrata rischia di risolversi solo con i calci di rigore:

Tre volte mi è capitato di decidere una partita ai rigori, due volte ho vinto e una ho perso. Per le coronarie, sarebbe meglio chiudere prima.

Inghilterra a parte, Buffon sa che gli azzurri non sono i favoriti per la vittoria finale:

Con Spagna e Germania ancora in lizza, esporsi in maniera perentoria sarebbe da presuntuosi. La Spagna è due spanne sopra tutti, la Germania una spanna sopra tutte le altre, non siamo noi i più forti, lo sappiamo tutti, ma se dovessimo un giorno giocare con la Germania o con la Spagna non partiamo battuti.

Ma prima di pensare a Spagna e Germania c’è da superare l’ostacolo Inghilterra, squadra con campioni affermati e giovani in cerca di una vetrina importante:

Per carisma e per esempio che dà in campo, Rooney è un trascinatore. Con gente come lui o Gerrard, gente navigata che sa come si fa a vincere, l’Inghilterra ha un qualcosa che può pesare nella vittoria.

[Photo Credits | Getty Images]

 

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>