Coppa Italia 2014, Fiorentina prima finalista

di Gioia Bò Commenta

 In attesa del big match di ritorno tra Roma e Napoli, la Fiorentina conquista l’accesso nella finalissima di Coppa Italia. Vittima sacrificale è l’Udinese di Guidolin, che sperava di far valere il 2-1 conquistato in casa per giocarsi l’atto finale della competizione.

I viola hanno avuto il merito di crederci sin dalle prime battute di gioco, quando si spingevano con una certa costanza dalle parti dell’area ospite. Il merito del vantaggio va alla grande abilità di Pasqual, bravo a calciare di potenza su appoggio di un compagno. L’Udinese si spingeva in avanti alla ricerca del pareggio, ma Totò Di Natale non riusciva a compiere il miracolo, prima sbagliando un tiro a giro, poi centrando il palo su colpo di testa.

Nella ripresa Guidolin gettava nella mischia Muriel, per rendere più pesante il reparto avanzato, ma l’Udinese non riusciva a finalizzare il gioco creato, esponendosi anche alle ripartenze della Fiorentina. E proprio su un capovolgimento di fronte Cuadrado si defilava sulla destra e lasciava partire un bolide che freddava Scuffet. A quel punto l’Udinese era costretta a siglare almeno una rete per giocarsi le residue speranze nei supplementari, ma Neto si vestiva da Superman e respingeva tutte le folate offensive dell’attacco bianconero.

Animi caldi, poi, nel finale di partita, quando l’Udinese contestava un paio di decisioni arbitrali e rimediava l’espulsione di Domizzi per proteste (oltre a quella di Badu, che però era in panchina). La Fiorentina conquista un posto nella finalissima di Coppa Italia ed ora attende di conoscere il risultato di Napoli-Roma (andata 2-3 per il giallorossi).

Photo Credits | Gabriele Maltinti / Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>