Coppa Italia: Bari-Livorno 4-1

di Moreno Commenta

Foto: AP/LaPresse

Coppa Italia, gara valevole per l’approdo agli ottavi di finale:
Bari-Livorno 4-1
Reti: 25’pt rig. Rana (B); 6’st A. Masiello (B), 10’st Rivas (B), 29’st D’Alessandro (B), 45’st Dionisi (L).

Il Bari accede agli ottavi di finale e affronterà il Milan.

Bari-Livorno 4-1: primi segnali di vita da parte dei Galletti che, nonostante il percorso stentato di un campionato che, per andamento, è purtroppo differente a quello dello scorso anno, hanno liquidato nettamente il Livorno e mostrato sprazzi del gioco spumeggiante che ricordavamo a malapena. Il passaggio del turno (agli ottavi, la proibitiva sfida contro il Milan di Allegri) è il frutto di una ripresa da incorniciare che ha legittimato il vantaggio acquisito nel primo tempo. Partono subito forte, gli uomini di Ventura, con l’obiettivo di ipotecare la qualificazione nel minor tempo possibile e con pochi sforzi.

Il pressing che ha fatto seguito ai primi minuti di gioco ha dato frutti al 25′: Rana è abile a procurarsi il rigore e freddo al momento dell’esecuzione. L’epilogo della prima frazione vede i locali amministrare senza patemi e gli ospiti fare parecchia fatica in fase di impostazione. Nella ripresa, nessuno scampo per i labronici: dopo 6′ di gioco, Masiello impreziosisce il match trasformando in gol un calcio di punizione dal limite. La conclusione è una pennellata, nulla da fare per Mazzoni. Archiviata la vittoria, non finisce così: passano 4′ e Rivas si ritaglia il suo personalissimo momento di gloria finalizzando una trama in velocità imbastita dalla retroguardia, al 29′ c’è spazio anche per la gioia di D’Alessandro il cui guizzo beffa la retroguardia di mister Pillon. L’acuto di Dionisi, allo scoccare del 45′, è solo uno zuccherino che rende meno doloroso il passivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>