Fiorentina: ricostruzione da zero, via tutti i gli uomini più rappresentativi

di Marco Mancini Commenta

Foto: AP/LaPresse

La Fiorentina della prossima stagione sarà molto diversa da quella che abbiamo conosciuto in questi anni, dato che ripartirà da zero, o quasi. I senatori saranno quasi tutti ceduti, e se alcuni sono chiacchierati da tempo, vedi Montolivo, gli altri sono una novità.

La prima riguarda Adrian Mutu. E’ troppo discontinuo sia nelle prestazioni che nel comportamento. Anche se è un beniamino dei tifosi, la società non può stare con questa spada di Damocle dei suoi atteggiamenti fuori dalle righe, specialmente extracalcistici, e così ha fatto sapere che se arrivasse un’offerta non ci penserebbe su due volte per cederlo.

E non c’è bisogno nemmeno di un’offertona dato che il suo contratto scade nel 2012, ed ha un ingaggio piuttosto alto. Lui vorrebbe rimanere in Europa (difficile resti in Italia), ma allo stato attuale c’è solo l’interessamento arabo a tenere banco, anche se siamo ancora allo stato embrionale.

L’altro big che al 99% potrebbe partire è Frey. L’esplosione di Boruc e l’ingaggio del futuro fenomeno Neto spingono fuori dalla rosa il portierone francese, il quale quest’anno ha giocato pochissime partite a causa dell’infortunio al legamento che lo tiene fuori da ottobre. Per lui la destinazione più probabile sembra la Francia, dove il Lione già negli anni scorsi tentava l’assalto, ma non è escluso che anche altre big potrebbero farci un pensierino.

In partenza anche Gilardino, il quale potrebbe essere sostituito da Amauri, Maxi Lopez o il sogno Funes Mori, anche se costa un po’ troppo per le casse viola, mentre si vaglia anche l’opportunità di arrivare a Raffaele Palladino. Gila, dal canto suo, quasi sicuramente finirà alla Juve, ma siccome il mercato che si prospetta per la prossima estate è davvero imprevedibile, tutto potrebbe accadere.

L’ultimo a partire dovrebbe essere Vargas, rientrato da poche settimane a pieno regime, ma che sicuramente Corvino si sta mangiando le mani per non averlo venduto prima, dato che i 15-20 milioni che avrebbe potuto chiedere la scorsa estate ora non sono più fattibili. La valutazione del peruviano è crollata a causa degli infortuni e delle prestazioni poco convincenti, ma non mancano le pretendenti, Liverpool su tutte.

Solo la difesa potrebbe non essere toccata, il reparto offensivo ripartirà da Jovetic, sperando che superi definitivamente i guai fisici, mentre per il centrocampo per ora si fanno i nomi di Parolo, specialmente se il Cesena dovesse retrocedere, e Inler, anche se, allo stato attuale, sembra quasi scontato che finisca al Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>