Il derby di Manchester si gioca su Buffon

di Marco Mancini Commenta

Il derby di Manchester, terminato 1-0 per lo United, non si è di certo concluso al novantesimo. La sfida continua negli uffici dei due direttori sportivi, entrambi alla ricerca di un portiere che possa sostituire il quarantenne Van Der Sar ed il trentaquattrenne Given. Il nome al top della lista è sempre lo stesso, Gianluigi Buffon che, seppure nemmeno lui sia un ragazzino, ha dimostrato di essere molto più in forma dei suoi “rivali”.

Bettega è stato chiaro: Buffon non si tocca, a meno che non arrivi un’offerta importante. Anche lo stesso portiere è stato altrettanto esplicito: il suo futuro dipende solo dalla volontà della società. E se dovesse arrivare l’offerta da 35 milioni richiesta dalla Juve, la società non ci penserà due volte a mandarlo via.

Ora le alternative restano due: il City offrirebbe solo soldi, anche se 35 milioni sembrano tanti. L’assegno potrebbe aggirarsi tra i 25 e i 30 milioni. Lo United, che ha da smaltire un bel po’ di debiti, preferirebbe abbassare il costo del cartellino e dare come contropartita tecnica uno dei difensori più seguiti al mondo, Nemanja Vidic, il quale comporrebbe con Chiellini una delle coppie di centrali più temibili a livello internazionale.

Per sostituire Buffon invece, le alternative sono sia italiane (Marchetti, se Cellino abbassa la sua richiesta di 15 milioni, o Sirigu), o straniere, come il portiere del Villareal, Diego Lopez, quello dell’Almeria, Diego Alves, o quello del Lione Hugo Lloris.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>