Calciatori gay, Prandelli chiede di fare coming out

di Davide Piteo 1

Da sempre il calcio, come lo sport in genere, ha visto l’atleta come un uomo forte e virile, capace di qualsiasi impresa ma soprattutto di conquistare il cuore di ogni donna. Per questo guai a parlare di omofobia nel mondo sportivo o del calcio più precisamente,nessuno o quasi accetterebbe che i propri beniamini non siano “personale normali”.

UN LIBRO PER CAMBIARE Per questo motivo Alessandro Cecchi Paone e Flavio Pagano hanno scritto e pubblicato il libro Il campione innamorato. Giochi proibiti dello sport. Nel libro sono raccontate storie di campioni del mondo dello sport che hanno vissuto in modo complesso la loro omo o bisessualità. La prefazione del libro è stata curata e scritta dal C.T. della Nazionale Cesare Prandelli, che ha espresso chiaramente il suo pensiero

L’omofobia è razzismo, è indispensabile fare un passo ulteriore per tutelare tutti gli aspetti dell’autodeterminazione degli individui, sportivi compresi. Nel mondo del calcio e dello sport resiste ancora il tabù nei confronti dell’omosessualità, mentre ognuno deve vivere liberamente se stesso, i propri desideri e i propri sentimenti. Dobbiamo tutti impegnarci per una cultura dello sport che rispetti l’individuo in ogni manifestazione della sua verità e della sua libertà.

Oltre alle parole del C.T. azzurro, il presidente del Napoli De Lauurentiis il prossimo 17 maggio, giornata contro l’omofobia, farà scendere in campo i giocatori del Napoli con una maglia al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica, perché tutti dobbiamo vivere liberamente la nostra natura.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>