Arbitraggi 37^ giornata: tantissimi errori, ma solo uno è decisivo

di Marco Mancini Commenta

L’estate si fa sentire anche per gli arbitri italiani i quali, forse per un calo di concentrazione, nella penultima giornata di campionato sbagliano tantissimo, anche se per fortuna quasi nessuno dei loro errori condiziona i risultati finali. L’unico di una certa gravità arriva nella partita più delicata della giornata, Palermo-Sampdoria. Mancano pochi minuti alla fine, il risultato è già sull’1-1 ed Hernandez, partito in posizione regolare, supera Storari. Ma davanti alla porta vuota sente arrivare il fischio di Rosetti. La posizione è regolare, ma l’arbitro fischia un fuorigioco che potrebbe costare la Champions al Palermo.

Gli altri errori sono tutti poco importanti. Mancano 3 rigori alla Roma (corretto quello assegnato) ed uno al Cagliari; il gol di Iaquinta del 2-3 è in fuorigioco; il gol di Lucarelli del momentaneo 1-1 è altrettanto irregolare; manca un rigore al Napoli al novantesimo sul risultato già acquisito ed è irregolare il gol del 2-2 del Bari dato che Koman è in posizione regolare, ma 4 suoi compagni che partecipano all’azione sono in fuorigioco.

Ma questi errorucci (a parte quello di Palermo) si possono perdonare. La stagione arbitrale è stata positiva ed un calo di tensione in partite poco importanti ci può stare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>