Ranieri ha fatto l’impresa anche se sul web è tutta ironia!

di Alba D'Alberto 1

Ieri non è stata la giornata di Ranieri, non solo. A Claudio Ranieri si è sempre guardato con una punta di diffidenza, quasi a sperare che quell’impresa che gli è mancata in Italia, non si realizzasse del tutto in Inghilterra. E invece è arrivato il successo, un grande successo, per il tecnico italiano. 

Ieri è stata soprattutto la giornata di consacrazione di Totti e Higuain, che hanno dimostrato di essere essenziali per la loro squadra. In particolare l’attaccante del Napoli è andato a segno per la trentaquattresima volta, mentre il Capitano cerca di conquistarsi sul campo un importante prolungamento del contratto.

Eppure molti tifosi italiani sono stati letteralmente rapiti dal calcio inglese e da Ranieri che all’estero è riuscito a fare l’impresa che è mancata in Italia. Un allenatore italiano in Inghilterra, un tecnico che diventa un mito anche se la tendenza è a non esagerare. In fondo un vero mito è quell’allenatore che oltre al campionato di categoria nazionale, porta nella teca della squadra anche Coppe Campioni e trofei intercontinentali. Ranieri per il momento non ha tutto questo ma ha tanta ironia dalla sua parte. Queste immagini raccolte sul web lo testimoniano.

Ranieri può certamente vantarsi d’aver allenato degli atleti importanti che hanno anche ottenuto il Pallone d’Oro. Adesso potrà dire di aver vinto un campionato, la Premier e di averlo fatto con una squadra apparentemente senza speranze, di quelle che i bookmaker avevano quotato all’inizio dell’anno a cinquemila a uno.

Il Leicester e Ranieri sono invece stati capaci di fare un’impresa. Hanno scritto una storia importante sulla pagina della squadra, del tecnico e dell’Inghilterra e saranno di certo ricordati negli anni.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>