Cairo: Ho visto un Toro che ha entusiasmato

di Stefano Rodinò Commenta

Il presidente del Torino non può che essere soddisfatto e contento dell’ annata, dopo diversi anni di sofferenza, quest’anno la squadra sotto la guida di Ventura sembra aver trovato la quadratura e si invola verso la serie A, essendo in testa con 23 punti in nove partite e unica squadra di serie B ancora imbattuta. Il presidente ha parlato del bel gioco, della partita di ieri, dei bilanci e dello stadio.

In queste prime nove partite abbiamo visto un Toro che ha entusiasmato, ha fatto gioire i tifosi ed è una bella notizia, ma oggi è ancora troppo presto per esaltarsi, è passato solo un quinto del campionato. Il vantaggio in B serve a poco, purtroppo ho esperienze in questi due ultimi anni e bisogna mantenere i piedi per terra

Cairo ha quindi smorzato gli entusiasmi, e poi ha cercato di spiegare le difficoltà avute dalla sua squadra dopo la retrocessione in serie B del 2009.

Quando si retrocede – spiega Cairo – c’è un momento di rottura, è successo anche ad Atalanta e Siena, però le piazze si sono rinvigorite con rinnovamento e cambio societario. Io sono rimasto al Torino perchè non c’era alternativa e anche perchè volevo riscattarmi. A me dispiaceva molto lasciare il Toro a metà, sicuramente gli errori fatti sono serviti per non ripeterli. Il primo anno abbiamo lottato fino all’ultimo, la scorsa stagione è stata da dimenticare e quest’anno con Ventura stiamo facendo molto bene

Ai microfoni di RadioUno,  Cairo ha parlato anche di bilanci e di Fair Play finanziario, anche se raggiungere il pareggio di bilancio nella serie cadetta sembra molto arduo:

Se in B è possibile il pareggio di bilancio? Per quanto riguarda il Torino degli ultimi 3 anni non è stato possibile e per me sono stati anni economicamente pesanti. Se ci sono scorie di contratti pesanti di serie A non è possibile e il Torino mi è costato 10 milioni l’anno, ma spero che anche qui si riesca a lavorare per cercare di riuscire ad arrivare a una situazione virtuosa in cui si possa coniugare bel calcio a pareggi di bilancio

Nell ultima parte dell’ intervista c’ è spazio anche per lo stadio del Torino, lo storico Filadelfia che però non potrebbe mai diventare lo stadio principale, come spiega il Presidente:

Per il Filadelfia c’è una fondazione che sta lavorando affinchè le cose si muovano velocemente, comunque non è facile. Pur rifacendo il Filadelfia in maniera più vicina possibile a quello che era in funzione  sarebbe comunque uno stadio da 5-6 mila posti quindi non sarebbe mai lo stadio della prima squadra del Torino.  Lo stadio della Juve è molto bello, lo hanno costruito anche grazie all’aiuto da parte del comune per quel che riguarda la concessione. Farebbe piacere anche al Torino avere un trattamento simile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>