Verona: se perdesse a Palermo “vincerebbe” 40 milioni di euro

di Alba D'Alberto Commenta

Esiste nel calcio un meccanismo chiamato “paracadute” che probabilmente non esiste negli altri sport. In pratica si premiano con un’erogazione in denaro, le squadre che per via dei risultati retrocedono dalla serie A alla serie B. Il fondo per paracadute è stato di recente raddoppiato. 

A riferire questa incredibile notizia ci ha pensato il Corriere dello Sport che dimostra come il Verona, perdendo a Palermo la prossima partita di campionato, riuscirebbe a guadagnare 40 milioni di euro proprio per il sistema del paracadute. Le somme che le retrocesse si vedranno assegnare a partire da questa stagione sono raddoppiate rispetto alle scorse stagioni: si è passati da 30 a 60 milioni di euro. Ecco il meccanismo spiegato alla perfezione dal Corriere dello Sport.

 

Foto del Corriere dello Sport

La suddivisione è così regolata: 10 milioni di euro alle squadre neopromosse che retrocedono (è il caso del già retrocesso Frosinone e del Carpi, qualora gli emiliani non riuscissero a salvarsi), 15 milioni alle squadre da due anni in A (la cifra che verrebbe assegnata al Palermo qualora retrocedesse) e 25 milioni se con tre anni in A (è il caso del Verona) per un totale di 50 milioni. La parte non assegnata dal blocco dei 50 milioni, definita quota residuale, verrebbe accorpata agli ulteriori 10 milioni di euro assegnati alla squadra retrocessa con 3 o più anni di anzianità in serie A nel caso in cui questa non venga immediatamente promossa dalla Serie B (sarebbe il caso del Verona, qualora gli scaligeri non centrassero il ritorno in serie A nella prossima stagione).

Avere bene in mente questo meccanismo può essere determinante anche per definire le scommesse legate alla Serie A. In fondo perché una squadra dovrebbe fare la scelta meno remunerativa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>