Tecnologia nel calcio, era ora! Introdotto l’occhio di falco

di Marco Mancini 1

L’occhio di falco ed il microchip nel pallone sono stati autorizzati dall’Ifab, International Football Association Board, l’organismo che decide le regole del calcio. Blatter e soci hanno deciso di concedere alle varie federazioni di aprire alla tecnologia in campo. In pratica si è deciso che il sistema che consente di capire se il pallone ha varcato completamente la linea tramite telecamere (come quello usato da anni nel tennis) ed il microchip può ora essere introdotto ed ogni federazione deciderà se e quando utilizzarlo.

ESPERIMENTO A DICEMBRE – La prima occasione in cui vedremo all’opera questi macchinari sarà durante il prossimo Mondiale per Club che si svolge a dicembre. Se i risultati ottenuti saranno buoni, la Fifa utilizzerà questa tecnologia anche durante la Confederations Cup che si terrà nella prossima estate e poi via via in tutte le altre competizioni. Per quanto riguarda i campionati nazionali, bisognerà attendere l’esperimento di dicembre ma poi, dopo quello, già da gennaio si potrà decidere di introdurre entrambi i dispositivi.

ALTRE REGOLE MODIFICATE – Ma non sono queste le uniche regole cambiate, anche se si tratta di una svolta storica visto che mai l’aspetto tecnologico era entrato nel mondo del calcio. Una delle nuove regole riguarda la terna arbitrale che ora si allarga. Sono stati approvati in via definitiva anche gli arbitri di linea i quali però non servono più per giudicare un pallone dentro o fuori (come abbiamo visto in Inghilterra-Ucraina non lo sanno fare), ma per valutare gli episodi dubbi in area come le trattenute, le simulazioni, e via dicendo. Infine nei Paesi musulmani le donne sono state autorizzate a giocare con il velo.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>