Germania – Inghilterra 4 – 1 – Mondiali 2010

di Marco Mancini 4

Germania-Inghilterra non delude le aspettative, e si candida a partita più divertente del Mondiale. Accade veramente di tutto, specialmente nel primo tempo, ma se i tedeschi possono raggiungere i quarti di finale, devono ringraziare la difesa inglese, forse addirittura peggiore di quella italiana.

La gara inizia con ritmi bassi con le due squadre che si studiano e cercano i punti deboli, ma la poca lucidità difensiva degli inglesi viene quasi subito a galla. Nonostante siano gli uomini di Capello a tenere in mano il pallino del gioco, sono i tedeschi ad avere le occasioni migliori, e così al 20′ arriva il primo gol. Lo segna Klose ma la responsabilità è tutta di Upson che su un tiro da 70 metri lo tiene in gioco e se lo lascia sfuggire, perdendo il contrasto e permettendo all’attaccante del Bayern di trafiggere in spaccata James. E’ solo l’inizio perché la difesa inglese sbanda pericolosamente, e dopo 10 minuti arriva la seconda rete. Ancora un contropiede, Muller vede Podolski liberissimo sulla sinistra e gli serve un pallone d’oro che il calciatore del Colonia infila tra le gambe di James.

Partita finita? Niente affatto perché gli inglesi si lanciano in attacco e prima vanno vicini al gol, evitato da un recupero sulla linea di un difensore, e poi segnano la rete del 2-1 proprio con Upson, che si rifà dopo il gol subìto, staccando indisturbato di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo, anticipando Neuer. Gli inglesi pareggiano anche con un gran tiro di Lampard che tocca la traversa, batte per terra e finisce tra i guantoni del portiere tedesco, ma il guardalinee non si accorge che la palla ha varcato la soglia di almeno mezzo metro e non convalida il gol. La gara a questo punto è apertissima.

La ripresa si riapre come si era chiuso il primo tempo, con una traversa di Lampard colpita su calcio di punizione, ma nel momento migliore degli inglesi arrivano due gol nell’arco di 4 minuti. Dagli sviluppi di una punizione, sempre del capitano del Chelsea, parte un contropiede che con un paio di passaggi manda Muller in porta per il 3-1. L’Inghilterra si rilancia in avanti, ma sul successivo contropiede Ozil mette un pallone sui piedi di Muller che deve solo spingerla in porta per il 4-1 definitivo. Gli inglesi tentano di far qualcosa, ma ormai il morale è sotto i tacchetti, e a parte un paio di tiri da lontano di Gerrard, l’ultimo ad arrendersi, parati da Neuer, non succede più nulla.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>