Pato rischia il carcere?

di Marco Mancini Commenta

Foto: AP/LaPresse

La difesa dell’ex moglie di Alexandre Pato, Sthefany Brito, ha chiesto di arrestare il calciatore del Milan. Al centro della questione c’è il mancato pagamento degli alimenti che l’attaccante non versa da ormai due anni. A scatenare la richiesta così pesante c’è un accordo che i due avevano fatto prima del matrimonio, con il calciatore che aveva chiesto alla sua compagna di smettere di lavorare in cambio del pagamento di 50.000 real (poco più di ventimila euro) al mese.

Una volta divorziati, Pato aveva proposto all’ex moglie il versamento di 5.000 real, rifiutati da lei, ma il tribunale di Rio aveva confermato il versamento di 50 mila real al mese, somma che Pato non ha mai versato. Successivamente l’attaccante ha anche ottenuto una sospensione del pagamento, ma intanto l’avvocato che difende la Brito non solo ha chiesto il versamento degli alimenti che, negli ultimi due anni, Pato non ha minimamente pensato di versare, ma anche che, per punirlo di questa violazione di legge, venga arrestato. Una vicenda scottante che, siamo sicuri, andrà avanti ancora a lungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>