Lotito è ovunque, da cosa nasce la polemica?

di Alba D'Alberto Commenta

Claudio Lotito si è intrufolato alla partita della Nazionale a Bari e vista la pioggia ha indossato anche la casacca della Nazionale. A chi lo accusava di essere l’ombra nera di Tavecchio ha risposto per le rime, ma l’ironia sul web si è scatenata.


Lotito ha partecipato, nel vero senso della parola, alla partita della Nazionale italiana a Bari ma la sua presenza, a bordo campo, come negli spogliatoi, è sembrata eccessiva, perfino a qualche giocatore azzurro che ha dichiarato di averlo trovato praticamente da tutte le parti. Il web non poteva lasciarsi sfuggire questa occasione per fare ironia e così, in una galleria prontamente riproposta da Repubblica.it, ci sono i fotomontaggi di Lotito in ogni situazione: al fianco di Obama, con i Beatles su Abbay Road, sulla copertina di Fifa 2015 e via dicendo.

Il problema non è nel fatto che Lotito abbia seguito la partita, ma è il modo in cui è stato presente a Bari: indossando il k-way della Nazionale, entrando negli spogliatoi, passeggiando tra gli azzurri in fase di allenamento. Quasi fossero delle accuse, Lotito ha sentito il bisogno di giustificare tutte le sue azioni spiegando che:

  1. il k-way l’ha indossato perché pioveva
  2. negli spogliatoi è sceso per chiedere la maglia a De Vrij da portare al figlio
  3. a vedere la nazionale in allenamento ci è andato perché ha i titoli.

Si è difeso addirittura dicendo che impedirgli di vedere gli azzurri è come impedire ad Alfano di vedere le frecce tricolore. Ha poi spiegato di essere membro del consiglio federale, membro del comitato di presidenza con delega per la proposta di riforme dell’assetto normativo. Tutti titoli che comunque non hanno molto a che fare con il suo atteggiamento o comunque non possono giustificarlo.

C’è da chiedersi allora se non sia Lotito a manovrare la FIGC che è presieduta da Tavecchio, uomo tra l’altro sostenuto dal presidente della Lazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>