La favola di Pablo Armero che segna al Milan il goal dell’ex

di Alba D'Alberto Commenta

Un goal segnato ad una squadra che l’aveva scartato. Un’uscita dal campo mesta, collegata ad una crisi famigliare e ad un rendimento sul campo fin troppo ballerino. Poi la rinascita e perfino il goal dell’ex. Non si poteva volere di più da Pablo Armero

All’Udinese ha fatto un bel po’ di esperienza e anche se era rimasto fuori dal campo e dai riflettori per un po’, adesso si ritrova in campo e sa cosa fare. Lo ha dimostrato nello scontro con il Milan, la squadra che lo aveva scartato qualche anno fa. Ecco perché la chiamiamo favola.

E’ tornato e si è vendicato, come racconta anche la Gazzetta dello Sport. La sua è una storia che va raccontata perché davvero sembra la trama di una favola. Di Pablo Armero si erano perse le tracce. Era stato al Milan l’anno scorso e si poteva dire che la sua ultima esperienza italiana non fosse stata poi così interessante: era sceso in campo soltanto 8 volte di cui soltanto 6 da titolare. Non era andato a segno tant’è che qualcuno ha subito pensato che fosse un flop ben architettato.
È tornato in Brasile dopo questo flop calcistico e ha vissuto un periodo familiare burrascoso. Pare infatti che la moglie lo abbia beccato con altre donne, si parla di bastonate che soltanto dopo qualche mese sono messe a tacere da un video “riparatore” della coppia di nuovo apparentemente felice.
Cosa succede allora? Succede che Pablo Armero torna in Italia e inizia a giocare con l’Udinese che detiene il suo cartellino. A lanciarlo come nessuno aveva fatto è Colantuono. Lui si carica e ripaga il CT della fiducia segnando un goal alla sua vecchia squadra, il Milan, che con questo risultato in campo apre una nuova crisi interna. Su Instagram il calciatore ringrazia:  “Che bello tornare al calcio giocato con un gol”, senza alcun riferimento al Milan. Gran classe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>