Platini: al Mondiale favorite Brasile, Inghilterra e Spagna. E l’Italia?

di Marco Mancini Commenta

Oggi si è tenuto a Tel Aviv il congresso Uefa in cui Michel Platini si è ricandidato per il suo secondo mandato al vertice del calcio europeo. Tra una battuta e l’altra, gli è stato chiesto di fare un pronostico sul prossimo Mondiale, e alla domanda su chi sarà a vincere, Le Roi ha ristretto il campo a sole tre nazionali: Brasile, Inghilterra e Spagna.

E’ vero che l’Italia non è mai rientrata tra le favorite ad inizio torneo, ma siamo pur sempre i campioni del mondo. Forse però di questo Platini si ricorda con un po’ di ritardo, perché in seconda fascia inserisce gli azzurri insieme a Francia, Argentina, Olanda e Portogallo.

E qui la seconda “gaffe”: manca la Germania. Non avrà vinto molto negli ultimi anni, ma la nazionale che può vantare gente come Klose, Ballack e tanti altri ultimamente ha dato l’impressione di molta più solidità di squadre come il Portogallo, o la sua stessa Francia.

Sembra inoltre assurdo lasciare in seconda fascia l’Argentina che può schierare dei fenomeni come Messi e Higuain, oltre ai vari Lavezzi, Milito, Tevez, ecc., dietro anche al Brasile che ha un enorme problema in attacco. Luis Fabiano non è nemmeno lontano parente di quello ammirato in Confederations Cup, Kakà e Pato sono pieni di acciacchi, e Ronaldo, Adriano, Ronaldinho e Robinho hanno una montagna di problemi da risolvere. Senza parlare della brutta aria che tira in casa-Inghilterra.

Insomma, i pronostici si sa, lasciano il tempo che trovano, ma se avesse incluso qualche altra squadra in “prima fascia”, di certo Le Roi non avrebbe scontentato nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>