Che fina ha fatto Ruben Sosa?

di Gioia Bò 1

Quando arrivò in Italia nel lontano 1988 in molti pensarono all’ennesimo bidone giunto sulla sponda biancazzurra del Tevere, in una Lazio che in quel periodo non lottava certo per le prime posizioni della classifica. La fama era quella del goleador, viste le precedenti esperienze con le maglie di Danubio e Real Saragozza, ma ci vollero ben 10 giornate prima che Ruben Sosa si sbloccasse e cominciasse a dimostrare la sua classe pura.

E di classe l’uruguaiano ne aveva da vendere, se è vero che nei quattro anni in maglia biancazzurra riuscì a collezionare 47 reti in 140 presenze, tra campionato e Coppa Italia, in una squadra che poteva vantare ben pochi nomi di valore. Ma Ruben riuscì ad entrare nei cuori della curva, tanto che ancora oggi gli vengono dedicati dei cori.

Dopo l’esperienza nella Capitale, Sosa passò all’Inter, dove segnò la bellezza di 50 reti in 104 gare, vincendo anche la Coppa Italia nella stagione 1993-’94. Ricordato per l’agilità e la potenza e per quel piede sinistro che difficilmente lasciava scampo al malcapitato portiere di turno, si è poi allontanato dai palcoscenici internazionali. Ma che fine ha fatto Ruben Sosa?

Dopo l’esperienza italiana, Ruben si dilettò a recitare il ruolo di giramondo del pallone, approdando al Borussia Dortmund in Germania,  al Logrones in Spagna,  prima del rientro in patria nelle fila del National di Montevideo. Poi si lasciò sedurre dalle sirene cinesi e tentò l’esperienza all’ombra della Grande Muraglia nello Shanghai, per poi rientrare nuovamente a casa per vestire le maglie di Racing ed ancora National.

Non è stato semplice per uno come lui staccare definitivamente la spina, tanto che ha continuato a giocare fino a quasi 40 anni, accettando anche di scendere in seconda divisione. Ed ora che non può più permettersi una vita da professionista, continua comunque a frequentare l’ambiente del calcio, mettendo la propria esperienza al servizio degli allenatori del National di Montevideo. E durante le gare di allenamento qualche calcio ad un pallone ancora lo tira, garantito!

Commenti (1)

  1. Coppa UEFA, non coppa Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>