Ronaldo al Flamengo: è quasi fatta

di Gioia Bò 1

Dopo Adriano, tornato in patria per curarsi e poi ingaggiato in prestito dal San Paolo per sei mesi, un altro campione del campionato nostrano potrebbe lasciare l’Italia per far ritorno in Brasile.

Lo afferma il vicepresidente del Flamengo, Kleber Leite, che in una dichiarazione ammette la trattativa in corso: “Ho parlato due volte con Leonardo e una con Ronaldo. Non abbiamo parlato di stipendi ne’ di soldi per la cessione. Abbiamo semplicemente presentato il progetto per l’acquisto di Ronaldo. Un progetto considerato positivamente da entrambe le parti”.

Il Fenomeno da parte sua si è impegnato a convincere il Milan a lasciarlo andare gratuitamente, rinunciando, pur di poter giocare, alla metà del suo stipendio.
L’accordo dunque sarebbe vicino e Ronnie potrebbe ritrovare la serenità e la maglia da titolare, che raramente gli viene garantita nel Milan.
Inoltre avrebbe la possibilità di giocare nella sua città natale, davanti ai suo tifosi, già al settimo cielo per il ritorno del Flamengo nell’elite del calcio brasiliano (ora è terzo in classifica).

E poi tra un mese comincerà la Coppa Libertadores e Ronaldo sa che non può lasciarsi sfuggire una vetrina di tale importanza.
I dirigenti del club brasiliano continuano a lavorare per far si che il sogno si avveri, nonostante le smentite (scontate) dei rossoneri, che, attraverso il sito ufficiale, fanno sapere:
 “L’A.C. Milan smentisce di aver avviato una trattativa con il Flamengo per il trasferimento di Ronaldo. Smentisce altresì di aver autorizzato la stessa societa’ brasiliana per un eventuale accordo con il calciatore”.

Ma il passaggio del Fenomeno nelle file del club rubro-negro è molto più che una voce di corridoio. Del resto a Milano la sua presenza è a corrente alternata, quindi perché impedirgli di giocare con continuità e di ritrovare il sorriso?

Attendiamo sviluppi, nella speranza che la vicenda si concluda nel minor tempo possibile: un nuovo tormentone non riusciremmo proprio a sopportarlo!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>