Calciomercato Milan: squadra da rifondare in estate?

di Marco Mancini 9

Ogni anno arriva questo periodo ed in casa Milan si fanno i conti con le carte d’identità. Lo scorso anno praticamente tutti i “vecchietti” furono riconfermati, tranne Pirlo, ma quest’anno potrebbe andare molto peggio. In scadenza c’è praticamente mezza squadra, che in parte vedrà rinnovare il contratto, in parte verrà sostituita dalle giovani leve come Merkel e Strasser, ma in buona parte avrà bisogno di esborsi per trovare dei sostituti validi.

Ma andiamo con ordine. Il problema principale è il centrocampo. Qui sono in scadenza in 6 su 12, la metà. Tra questi l’unico che non dovrebbe avere problemi è Aquilani che ha una clausola per il rinnovo automatico dopo 25 partite ed attualmente è a 20. Il problema è per gli altri. Flamini ad esempio, ad Allegri piace, ma il pesante ingaggio (5 milioni) e le scarse condizioni fisiche potrebbero far scegliere alla società di mettere il calciatore di fronte ad una scelta: o ti riduci l’ingaggio o niente rinnovo.

Discorso simile per Seedorf che però sembra abbia voglia di cambiare aria. Così come farà quasi certamente Van Bommel che da inizio anno continua ad inviare messaggi d’amore al PSV Eindhoven, la sua squadra del cuore in cui vorrebbe chiudere la carriera. Quasi certo anche  l’addio di Ambrosini, spesso infortunato e poco utilizzato anche quando sta bene, mentre resta in dubbio la situazione di Gattuso. Se il problema all’occhio non venisse risolto sicuramente il contratto non verrà rinnovato, ma se dovesse tornare in campo il rinnovo non andrebbe oltre un anno.

EMERGENZA ANCHE IN DIFESA – La situazione è abbastanza tragica anche in difesa dove sono in scadenza Nesta, Zambrotta e Yepes, e su cui è tornato il Barcellona per cercare di convincere Galliani a cedere Thiago Silva per 30 milioni di euro. Anche se il centrale sembra l’unico rossonero incedibile, intanto sono sicuri partenti Yepes, che vuole giocare di più, e Zambrotta che ormai è solo un rincalzo. In attacco invece l’unico partente certo è Inzaghi, ma su di lui almeno non ci sono dubbi, se non la maglia che vestirà il prossimo anno.

CHI ARRIVA – Ed in entrata? Sembra che si muova molto poco. Ormai certo l’arrivo di Montolivo con l’accordo che è stato raggiunto da tempo ma che solo ora, appena dopo la chiusura del mercato invernale, si è potuto ratificare ufficialmente. Per l’attacco l’arrivo di Tevez è legato alle decisioni su Pato, ma certo è che un ritocco in difesa ed uno a centrocampo sembrano le priorità.

Photo Credits | Getty Images

Commenti (9)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>