Adriano scagionato, la ragazza si è sparata da sola

di Giovanni Ferlazzo Commenta


Alla vigilia di Natale vi abbiamo raccontato del fatto che ha coinvolto l’ex imperatore Adriano, famoso in Italia in particolare per le prodezze con la Fiorentina e nei primi anni con la maglia dell’Inter, il quale aveva, secondo l’accusa, sparato per sbaglio sulla mano di una ragazza che lo accompagnava in auto insieme ad alcune amiche.

La versione della giovane non ha però mai convinto troppo gli inquirenti che questa notte sono riusciti ad avere la sua confessione, scagionando dunque definitivamente il calciatore. La ragazza ha infatti ammesso che è stata lei a far partire il colpo.

LA VICENDA – L’arma, una calibro 40, stando al precedente racconto della giovane che ha lasciato mercoledì mattina l’ospedale dopo due operazioni alla mano, era tenuta in mano da Adriano che accidentalmente avrebbe fatto partire il colpo che poi l’ha ferita. Il calciatore brasiliano ha ovviamente subito smentito questa versione, supportato peraltro dalle altre due donne che si trovavano in macchina con lui (mentre la terza afferma di non ricordare i dettagli), le quali hanno subito confermato l‘innocenza dell’attaccante.

 LA CONFESSIONE – Arriva però nella notte la verità che chiude quasi la vicenda. Durante l’interrogatorio, la vittima Adriene Pinto ha confessato di essere stata lei a far partire il colpo, come riporta oggi il quotidiano Uol Esporte, aggiungendo tra le lacrime di aver preso l’arma di sua volontà confermando dunque la difesa di Adriano e degli altri testimoni.

LA CONFERMA – I funzionari di polizia non sono ancora però pienamente convinti e hanno disposto un supplemento d’indagine per accertare quanto detto da Adriene Pinto, che non può considerarsi certo attendibile visto che si è praticamente smentita nel giro di 24 ore. Salvo sorprese, Adriano dovrebbe essere comunque fuori dai guai, visto che secondo quanto raccontano i testimoni al momento dello sparo si trovava sul sedile anteriore, mentre il colpo proveniva da quelli posteriori. Si parla infine di un ulteriore testimone, rimasto anonimo, che conferma l’innocenza dell’ex giocatore della Roma.

Photo credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>