Juventus: Huntelaar vicinissimo, due Liverpool in entrata

di Marco Mancini Commenta

Foto: AP/LaPresse

Gli emissari della Juventus, Paratici e Marotta, sembrano scatenati e, passate le vacanze, hanno cominciato a movimentare il calciomercato. Le operazioni sono tutte all’estero, ma serviranno per portare nomi importanti in bianconero. Per l’attacco ormai, forse più per necessità che per scelta, il nome è quello di Huntelaar. L’olandese è favorevole al passaggio alla Juve, anche perché lo accettò già un paio di anni fa prima di trasferirsi al Milan, resta solo da capire le modalità.

Lo Schalke vorrebbe solo soldi, ma è anche interessato a Sissoko, e così potrebbe esserci o uno scambio tra i due con un conguaglio da parte dei bianconeri di circa 5 milioni, oppure uno scambio alla pari Sissoko-Rakitic, con Huntelaar che verrebbe pagato per intero. La terza alternativa sarebbe abbandonare fino a giugno la pista per il centrocampista, vendere Sissoko al Wolfsburg che presto incasserà l’assegno per Dzeko, ed utilizzare quei soldi per arrivare ad Huntelaar.

Ma le operazioni più importanti potrebbero essere messe a segno in quel di Liverpool. Oltre a trattare il riscatto di Aquilani, Paratici è in questi giorni nella città inglese per vedere di portare Agger e Johnson a Torino. Il primo è più probabile, dato che non rientra più nei piani societari, ma ha caratteristiche tecniche indiscutibili. Potrebbe giocare da centrale come alternativa alla coppia titolare, o in caso di necessità anche da terzino sinistro. Costo dell’operazione: 10 milioni. L’altro difensore invece è un terzino destro che però non sembra così facile portar via da Liverpool. In caso di fallimento della trattativa, i bianconeri potrebbero spostare l’attenzione sull’ex Genoa, oggi al Siviglia, Konko, scambiabile con Marco Motta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>