La Bombonera chiude per squalifica!

di Gioia Bò 2

A quanto pare tutto il mondo è paese, soprattutto se si parla di calcio e di inciviltà sportiva.

E così capita che la mitica Bombonera, lo stadio di Buenos Aires, casa del Boca Juniors, venga squalificato fino al termine della Coppa Libertadores, per colpa del solito emerito cretino (stavolta con l’aggravante di essere un vip) che nella gara contro il Cruzeiro ha pensato bene di lanciare un cubetto di ghiaccio contro uno dei guardalinee, provocandogli una lesione al parietale sinistro.

Per la cronaca la gara è finita col risultato di 2-1 per la squadra di casa e la disciplinare ha ritenuto opportuno omologare il risultato del campo, ma il Boca sarà costretto a sborsare 30.000 dollari di multa e a provvedere quanto prima all’adeguamento dello stadio alle regole di sicurezza.

E noi come al solito restiamo senza parole!

Commenti (2)

  1. personalmente penso che in argentina ma anche in tutta l’america del sud il calcio è visto come un credo come un dio basti vedere quando il river è andato in b; hanno demolito una città!!! penso che in casi come questi una multa e omologare lo stadio serva a poco devono far si che le partite siano giocate a porte chiuse, secondo me questa è una pena per i tifosi, Le partite son belle e andarle a vedere allo stadio è stupendo perchè devono esistere i cretini che rovinano tutto(questo sia per tifosi club manager etc…)?

    1. hai ragione, per questo i club dovrebbero avere degli stadi di proprietà, almeno in Inghilterra questo deterrente è riuscito a fermare il fenomeno hooligans, incredibile che dalle altre parti non si impari mai dai buoni esempi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>