Bundesliga: primi segnali d’allarme per il Borussia Dortmund, il Bayern torna a marciare

di Marco Mancini Commenta

Foto: AP/LaPresse

Ancora la distanza è notevole (10 punti dalla seconda e 13 dalla terza), ma essendoci ancora 12 partite da disputare, forse non è il caso di adagiarsi sugli allori. Il Borussia Dortmund è senza dubbio la squadra più continua di questa Bundesliga, ma il secondo pareggio consecutivo, stavolta arrivato contro la terz’ultima in classifica, dovrebbe cominciare a destare qualche preoccupazione.

Specialmente perché il pari del Kaiserslautern è arrivato a tempo ormai scaduto, e si rivela un sintomo di inesperienza da parte di molti giocatori giovani e non abituati alle vette, che si rilassano troppo presto. Ora bisogna svegliarsi perché le altre cominciano a rosicchiare punti.

La seconda, il Bayer Leverkusen, sembra la più convinta, dopo aver vinto a Francoforte per 0-3. Ma comincia a farsi sotto anche il Bayern Monaco, anche se i bavaresi hanno continui cali di prestazione, ed ora con la Champions imminente trascorreranno due settimane non proprio serene. Intanto però i tedeschi si preparano ad affrontare l’Inter consapevoli di un ritrovato Robben, autore di una doppietta, e di un attacco fenomenale, dato che in gol sono andati sia Muller che Gomez.

L’Hoffenheim è liquidato 4-0, e l’Hannover viene superato al terzo posto dopo il pari contro il Werder Brema. L’impressione è che il Bayern non uscirà più, per quest’anno, dalla zona Champions, e che se il Borussia dovesse svegliarsi, ormai l’unico obiettivo rimasto sarà il secondo posto da giocarsi con il Leverkusen. Continua intanto il periodo nero del Wolfsburg che perde ancora, stavolta contro l’Amburgo, ed ormai viene tenuto fuori dalla zona retrocessione solo grazie alla differenza reti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>